Macerata, Pieve Torina, nuove scosse nella notte a Macerata, Marche, cronaca, terromoto di Macerata le case vengono giù, le case d'emergenza non reggono alle minime scosse nel maceratese, indignazione degli sfollati nel maceratese,

Nel Maceratese continuano le scosse di terremoto. Nella notte, intorno alle 2:00, è stata registrata una scossa di magnitudo 3.4 con epicentro a 2 km da Pieve Torina. Dal 2016, lo sciame sismico che ha interessato la zona non si è fermato e la gente si aspetta che le case vengano costruite in maniera adeguata, invece al minimo movimento della terra vengono giù. Cresce l’indignazione sui social mentre per oggi è previsto un vertice d’emergenza della Protezione civile.

Le case non reggono alle scosse e crollano

Il Maceratese è considerato il cratere d’Italia, è stato classificato infatti come Zona 1, ovvero la parte più soggetta a forti terremoti. Sono circa 85mila i movimenti della terra registrati dal 24 agosto 2016 ad oggi, alcuni innocui ma altri, come quello di ieri, non lo sono. Dopo la mezzanotte, lo sciame sismico ha continuato a manifestarsi con quattro scosse, di cui le più forti sono state quella delle 2:00 già citata e quella dell’1:52 di magnitudo 2.9.


La gente è indignata, le case, che in questa zona qualificata come pericolosa dovrebbero essere costruite in maniera adeguata, vengono giù alla minima scossa. Sui social girano foto e post che esprimono tutta la rabbia di questi sfollati, che denunciano così i danni subiti all’interno delle abitazioni. “Sae: sistemazione autonoma di emergenza, scatoloni dove bisognerebbe sopravvivere sicuri – si legge in un post di Antonella Paganelli su Facebook – Sappiamo quanto sono costate, il doppio di una villa fatta bene (dalle nostre parti), ecco il risultato dopo una scossa 4,7 in una casetta, dentro la casetta e fuori dalla casetta”.


Le case d’emergenza (Sae) hanno un costo medio al metro quadro che oscilla tra i 2400 e il 2700 euro, una cifra al di sopra del mercato immobiliare di quelle zone. Oggi saranno controllate le condizioni di tutte le 1403 case Sae consegnate e dopo la Protezione civile si riunirà per un vertice d’emergenza.