Ѐ una bambina di 17 mesi la vittima del grave episodio di violenza domestica che, questo pomeriggio, ha sconvolto Firenze. Da oggi è ricoverata all’ospedale pediatrico Meyer, dove le sono state riscontrate fratture alle costole e lesioni del timpano. Il responsabile, secondo quanto ricostruito dai carabinieri, sarebbe il padre.

L’allarme della zia: ha trovato la nipotina piena di lividi

Siamo nella centralissima piazza della Libertà. E il padre della piccola, un 48enne albanese, si trova da solo in casa con lei. Ieri ha litigato con la moglie. E, oggi, ha bevuto 5 o 6 bicchieri di sambuca. Ѐ ubriaco. Talmente ubriaco che perde il controllo e schiaffeggia, ripetutamente, la figlia. Ed è ancora ubriaco, quando viene scortato in caserma per gli accertamenti.

La madre è fuori casa. Ma una telefonata, nel corso del pomeriggio, la mette in agitazione. Il marito è in evidente stato di ebrezza. Preoccupata, chiede alla sorella di recarsi in casa sua per controllare. E la zia trova, al suo arrivo, la nipotina paonazza e piena di lividi. Dà l’allarme. La piccola viene portata d’urgenza al Meyer, dove sarà sottoposta ad una tac. Secondo il referto, non sarebbe in pericolo di vita. Ma resterà sotto stretta osservazione clinica. Di lei si occuperà il gruppo Gaia del Meyer, dedicato alla tutela dei diritti dei minori, che opera soprattuto in casi di sospetti abusi e maltrattamenti.

“Chiedo scusa, non so nemmeno perché me la sono presa con lei”, singhiozza il padre, scoppiato a piangere al momento dell’arresto. Magari, in manette, si sarà ricordato delle lacrime che la piccola versava mentre le riempiva di ecchimosi il corpicino.