Secondo quanto si apprende, è un gruppo che tentò di mettere a segno delle rapine spruzzando dello spray urticante

Novità importanti sul fronte delle indagini relativi ai fatti di piazza San Carlo a Torino. È stata modificata l’accusa di omicidio preterintenzionale mossa ai due giovani arrestati dalla polizia. Dopo l’udienza di convalida, il gip ha convalidato i fermi e ha disposto la custodia cautelare per morte come conseguenza di altro delitto. Il capo d’accusa si riferisce al caso di Erika Pioletti, la donna deceduta nella calca che si scatenò il 3 giugno 2017.

La tragica notte del 3 giugno a piazza San Carlo

“Il giudice ha accolto le nostre richieste”, ha commentato l’avvocato Basilio Foti, che con la collega Emanuela Cullari assiste Sohaib Bouimadaghen, il ventenne fermato dalla polizia nell’inchiesta sul gruppo che la sera del 3 giugno in piazza San Carlo scatenò il panico utilizzando dello spray urticante a scopo di rapina. Il gip ha modificato il capo d’accusa da omicidio preterintenzionale a morte come conseguenza di altro reato.