Kevin Durant NBA
Kevin Durant in maglia Warriors

Si sono chiuse nella notte altre due serie del primo turno di playoff NBA, con Philadelphia 76ers e Golden State Warriors che hanno messo a segno il punto del definitivo 4-1 contro Miami Heat e San Antonio Spurs. A Boston, invece, i Celtics mantengono il fattore campo, e si portano sul 3-2. 

Boston Celtics-Milwaukee Bucks 92 – 87 (3 – 2)

Ennesima gara spigolosa di una serie che non offrirà grande spettacolo a livello tecnico, ma sembra riportare gli appassionati NBA indietro di una ventina d’anni per tempi di gioco e durezza delle sfide. A differenza delle due partite giocate a Milwaukee, il supporting cast dei Bucks fatica a trovare la via del canestro, se si eccettua Jabari Parker, che può essere il vero uomo chiave per la franchigia del Wisconsin. Senza il contributo dei vari Brogdon e Snell Milwaukee non riesce a piazzare il colpo esterno, mentre i Celtics recuperano fiducia grazie al rientro in campo di Marcus Smart, trascinatore per tutto il TD Garden con la sua energia contagiosa. 

Philadelphia 76ers-Miami Heat 104 – 91 (4 – 1)

La stella di Ben Simmons splende sempre più scintillante. Nella sua prima serie di playoff, il rookie di Philadelphia ha dato sfoggio di tutte le sue qualità, sia tecniche che mentali, reggendo il trattamento speciale che la difesa degli Heat gli aveva riservato e orchestrando un attacco che gira a meraviglia. Protagonista, nella gara-5 che ha definitivamente mandato i Sixers al secondo turno, JJ Redick, che ha messo a referto 27 punti contribuendo a mantenere a distanza Miami. Per i 76ers, adesso, un secondo turno da favoriti contro la vincente della sfida tra Boston e Milwaukee. 

Golden State Warriors-San Antonio Spurs 99 – 91 (4 – 1)

Non basta il grande cuore – e un commovente Ginobili – agli Spurs per portare via una vittoria dalla Oracle Arrena di Oakland. A differenza di gara-4, Klay Thompson e Kevin Durant scendono in campo con la giusta cattiveria, e non lasciano speranze di rimonta a San Antonio, arrivata fino al -2 a 42 secondi dal termine, ma ricacciata indietro dall’MVP delle ultime Finals. Warriors che, con questo 4-1, si assicurano un posto al secondo turno di playoff, dove se la vedranno contro i New Orleans Pelicans che hanno demolito i Blazers.