Aggiornato alle: 19:11

Tav, l’Ue mette in guardia Roma: “Nessun passo indietro”

di Redazione

» Economia » Tav, l’Ue mette in guardia Roma: “Nessun passo indietro”

Tav, l’Ue mette in guardia Roma: “Nessun passo indietro”

| giovedì 17 Maggio 2018 - 16:34
Tav, l’Ue mette in guardia Roma: “Nessun passo indietro”

Sono stati spesi finora 1,5 miliardi di euro per la tratta internazionale della Torino-Lione. I fondi sono infatti stati destinati agli studi e alle attività preliminari nonché allo scavo di 4 gallerie esplorative, di cui tre in Francia, e la quarta in Italia, a Chiomonte (Torino), costata 173 milioni di euro.

È stato già scavato anche il 33% dell’ultima galleria geognostica, tra La Praz e Saint-Martin-la-Porte, in Francia la quale rappresenterà un tratto della futura maxi-galleria da 57,5 km.

Il costo dell’opera finale, i cui lavori dovrebbero iniziare nel 2019, ammonta a 8,6 miliardi di euro: il 40% a carico della Ue, il 35% dell’Italia e il restante 25% della Francia. La penale per la rinuncia costerebbe 2 miliardi di euro, anche se il movimento No Tav sostiene che non è prevista se lo Stato porta gravi motivazioni. Attualmente per la Tav Torino-Lione lavorano circa 800 persone.

La posizione dell’Ue sulla questione Tav

Eppure c’è chi, come il possibile governo Lega-M5S, è pronto a mettere in discussione tutto l’intero progetto. Risulta “difficile speculare su cosa farà il nuovo governo, ma è molto chiaro che il governo italiano nel 2014 ha firmato impegni per completare i corridoi Ten-T di cui fa parte la Tav”, ha affermato Violeta Bulc, commissaria Ue ai Trasporti, Violeta Bulc, in riferimento al programma Lega-M5s che prevede la sospensione della Torino-Lione. “Terremo conto degli argomenti del nuovo esecutivo, ma ci baseremo anche molto sugli impegni presi dal precedente governo”, ha infine aggiunto.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it