Djokovic

Siamo ormai arrivati all’atto conclusivo per i due classici tornei ATP 500 di preparazione a Wimbledon, al Queen’s e ad Halle. Sull’erba inglese, domani, si affronteranno un ritrovato Novak Djokovic e Marin Cilic, in un derby slavo, mentre in Germania saranno Roger Federer e Borna Coric a darsi battaglia, nella rivincita della semifinale del Masters 1000 di Indian Wells. 

Nole è tornato

Ci è voluto un po’, ma Novak Djokovic sta tornando finalmente sui suoi livelli migliori. Dopo i quarti di finale al Roland Garros, dove perse dal nostro Marco Cecchinato, il serbo ha raggiunto la finale al Queen’s eliminando Jeremy Chardy, un avversario apparentemente agevole (non ha mai vinto neanche un set contro Nole), ma che è in fiducia e viene da ottimi risultati sull’erba tra il Challenger di Surbiton e il torneo di St. Hertongenbosch. Domani, l’ex numero 1 del mondo se la vedrà con Marin Cilic, che ha piegato un Kyrgios troppo falloso in una battaglia a suon di servizi vincenti. 

Roger per difendere il primato

Roger Federer continua a faticare, ma mette benzina nelle gambe, e, ciò che è più importante, allunga la sua striscia vincente sull’erba, arrivata a venti successi consecutivi, piegando in due set Denis Kudla, tra i migliori di questa stagione sulla superficie verde. Il campione svizzero, domani, va a caccia del novantanovesimo titolo della sua carriera, che vorrebbe dire difendere il numero 1 del ranking ATP fino a Wimbledon, quando dovrà rispondere agli assalti di Nadal. Tra lui e questi obiettivi, però, c’è Borna Coric, che arriverà riposato dopo aver giocato un grande torneo e aver beneficiato, nella semifinale odierna, del ritiro di Roberto Bautista Agut.