Cecchinato, Roland Garros

Marco Cecchinato ritrova l’amata terra rossa, e riprende a sognare. Il palermitano, nella finale del torneo ATP 250 di Umago, si è imposto in due set sull’argentino Guido Pella con il punteggio di 6-2 7-6, coronando una giornata d’oro per il tennis italiano, che aveva già visto il titolo vinto a Bastad da Fabio Fognini contro Gasquet. Per l’azzurro si tratta del secondo titolo in carriera, dopo quello conquistato a Budapest. 

Una partita controllata agevolmente nel primo set dal Ceck, bravo a sfruttare al meglio tutte le frecce al suo arco, variando il gioco contro un avversario che con il suo diritto mancino, poteva essere molto ostico. Nella seconda partita Pella ha trovato il break, ma Cecchinato non si è mai arreso, riportandosi in parità e arrivando senza problemi ulteriori al tiebreak, dove con due minibreak nel primo turno di servizio dell’argentino si è spianato la strada verso il titolo. 

Domani, Cecchinato si sveglierà al numero 22 del ranking ATP, miglior posizione mai toccata nel corso della sua carriera, e la settimana prossima ad Amburgo (categoria 500) potrà andare a caccia di altri punti preziosi per continuare la sua ascesa. Per rendere l’idea della sua stagione da sogno in questo 2018, il Ceck è attualmente al decimo posto nella race verso le Finals di Londra.