comicidio stradale, pozzuoli, durante gara in auto uccide un netturbino, netturbino investito e ucciso mentre andava al lavoro, Alfonso Campochiaro

È stato arrestato il latitante Gianluca Bilotta, 37 anni, di Napoli, ritenuto appartenente al clan camorristico dei D’Ausilio. Si tratta infatti del cugino di Felice D’Ausilio, evaso nel maggio 2016 dal carcere di Tempio Pausania, durante un permesso premio e preso a dicembre dai carabinieri della Catturandi. 

Napoli, catturato noto latitante della Camorra

Un’operazione congiunta dei carabinieri della sezione “Catturandi” nel nucleo investigativo di Napoli e della polizia nazionale spagnola ha portato alla cattura del camorrista, egemone nel controllo dei traffici illeciti a Fuorigrotta e Bagnoli. Dal 2016, su Bilotta pendeva un ordine di carcerazione per associazione finalizzata al traffico illecito di stupefacenti, emesso dalla procura generale presso la corte d’appello di Napoli, secondo quest’ordine dovrà scontare 7 anni di carcere. 

Bilotta viveva da anni una vita felice in Spagna. Senza un lavoro di copertura, il latitante si nascondeva dietro ad un carta di identità italiana falsa: la foto era la sua ma le generalità erano di un altro. È proprio questo documento che Bilotta ha mostrato ai carabinieri quando l’hanno bloccato alla guida di un’auto anonima.