Cilic

Sembrano essere già a senso unico – come anticipato in sede di presentazione – le due semifinali di Coppa Davis, le ultime prima del debutto, nel 2019, del nuovo format targato Piqué. Al termine della prima giornata, in attesa dei doppi in programma domani, Croazia e Francia sono sul 2-0 dopo i primi due singolari, che hanno di fatto indirizzato l’accoppiamento per la finalissima. 

A Zara, Borna Coric e Marin Cilic hanno concesso le briciole ai rimediati singolaristi statunitensi Steve Johnson e Frances Tiafoe, chiamati a rimpiazzare gli assenti Isner e Sock, due secche affermazioni per 3 set a zero che lasciano ben poco spazio all’immaginazione, considerando anche la superficie, una terra rossa mal digerita dagli americani.

All’arena Pierre Mauroy di Lille, invece, non sono mancate le emozioni. Eroe di giornata Benoit Paire, che quando è in stato di grazia resta uno dei giocatori più talentuosi del circuito. Il ribelle di Avignone, nella sfida contro il numero 1 spagnolo Carreno Busta, ha ribaltato il risultato da 3-5 nel primo set vincendo sedici dei diciassette giochi successivi, chiudendo con un netto 7-5 6-1 6-0 che la dice lunga sul livello di crisi di gioco attraversato dall’asturiano.

Nel secondo singolare, il numero 1 di Francia Lucas Pouille, che consegnò la Davis ai galletti un anno fa, ha sudato sette camicie per piegare 6-4 al quinto Roberto Bautista Agut, indirizzando una sfida che alla vigilia poteva sembrare più aperta dell’altra, ma che nei fatti potrebbe vedere già domani concretizzarsi il match point con il doppio degli eterni Mahut-Benneteau.