accordo fondi lega, fondi lega, truffa Lega

Ci vorranno 80 anni prima di poter recuperare tutti e 49 i milioni di euro fatti sparire dalla Lega di Matteo Salvini. L’intesa è stata raggiunta tra la procura di Genova e gli avvocati del Carroccio: saranno sequestrati centomila euro a bimestre, per un totale di 600mila euro l’anno. Secondo quanto si apprende, i legali avrebbero concordato l’apertura di un conto appositamente creato in cui far confluire i fondi per raggiungere la cifra di 49 milioni di euro. Il sequestro dei soldi era stato disposto dai giudici nell’ambito del processo per truffa ai danni dello Stato

Fondi Lega, accordo tra avvocati e procura

Intanto sul deposito saranno versati anche i proventi dei rimborsi delle ultime elezioni, nonché l’affitto della sede milanese di via Bellerio o quello che il partito scrive nel bilancio certificato a partire dall’esercizio del 2019. Se il partito dovesse incamerare più di 600mila euro, la cifra prelevata aumenterebbe. Al momento nella cassa della Lega ci sono 130mila euro che sono stati subito acquisiti dalla Guardia di Finanza.

Si parla quindi di sequestro dilazionato. Finora i pm hanno sequestrato soltanto tre milioni, scoprendone però altrettanti sui conti del Carroccio. I legali della Lega, gli avvocati Giovanni Ponti e Roberto Zingari, hanno annunciato di aver depositato il ricorso in Cassazione. Intanto sostituto procuratore generale Enrico Zucca ha chiesto la conferma della condanna a quattro anni e dieci mesi per l’ex tesoriere della Lega Francesco Belsito nel processo di secondo grado.