Oggi è la “Festa dei Nonni“, una ricorrenza che si festeggia già in America dal 1978 e che in Italia è stata introdotta con un’apposita legge nel 2005. Questa festività vuole valorizzare l’importanza del ruolo dei nonni sia all’interno delle stesse famiglie, che nella società. Oggi tutte le scuole di tutte le regioni devono organizzare delle iniziative che puntino alla valorizzazione di queste eterne figure.

Questa festività non a caso si festeggia il 2 ottobre. Infatti, oggi, per la chiesa cattolica, è anche la festa degli angeli custodi. Sulla festa degli angeli custodi, Wikipedia spiega che nacque a Valencia, in Spagna, nel 1411 e fu istituita per l’angelo protettore della città. Prima di allora era festeggiata insieme con la festa di San Michele arcangelo, il 29 settembre. Dopo la scelta di Valencia anche in alcune città della Francia furono prese iniziative analoghe. Nel corso del 1400 la festa si diffuse anche in altri paesi europei. Nel 1570 papa Pio V indicò quattro feste da consacrare espressamente agli angeli: la festa dell’arcangelo Gabriele, dell’arcangelo Michele, dell’arcangelo Raffaele e degli Angeli Custodi (il 2 ottobre). La festa degli Angeli Custodi venne poi soppressa ma Paolo V nel 1608 la ristabilì e la estese alla Chiesa universale. Papa Clemente X la rese obbligatoria per tutta la Chiesa latina nel 1670.

Questa è una festività riconosciuta quasi a livello mondiale e gode di tutti i crismi di una vera e propria festa. Si pensi soltanto che c’è anche il fiore dedicato ai nonni: il Non-ti-scordar-di-me.