L’ondata di maltempo che ha colpito Catanzaro ha fatto 2 vittime. Si tratta di Stefania Signore e del figlio di sette anni, i cui corpi sono stati ritrovati dai Vigili del fuoco nel letto di un torrente nei Comuni di San Pietro a Maida e San Pietro Lametino. Risulta ancora disperso l’altro bambino di due anni.

A fare partire la macchina dei soccorsi era stato il marito, che non avendo notizie della moglie e dei due bambini da giovedì 4 ottobre, ha denunciato la scomparsa. Dopo poche ore Vigili del fuoco e Carabinieri hanno ritrovato l’auto della donna.

Sempre nella zona del lamentino, a causa del forte maltempo, è crollato il ponte delle Grazie, sulla strada provinciale 19, nel comune di Curinga (Catanzaro). Numerosi smottamenti hanno interessato altre strade. Sulla stessa provinciale un ulteriore smottamento ha interessato due vetture. Secondo quanto riferito dai Vigili del fuoco non si sono registrati danni a persone.

 Esondazioni e rischio frane 

Alcune famiglie sono state evacuate a causa delle esondazioni di fiumare e torrenti e del rischio frane dovute ai nubifragi che hanno colpito soprattutto la provincia di Catanzaro.

In particolare il torrente Scorsone, nella zona del lametino, è straripato in più punti, travolgendo alberi, strade, muri e linee elettriche. L’acqua ha raggiunto il metro e mezzo di altezza. Una grossa frana ha fatto scattare l’evacuazione anche a Monterosso Calabro.Evacuati anche a Monterosso Calabro per una grossa frana.