frode stati ue, frode da 55 miliardi stati ue, cumex files, inchiesta media europei su frode, rete finanziaria froda su dividendi grandi banche

Una frode organizzata da una rete finanziaria con ramificazioni in tutto il mondo ha fatto perdere 55 miliardi di euro in 15 anni a diversi Stati europei. Lo rivela un’inchiesta condotta da 18 media europei sulla base di un’indagine della magistratura in Germania e Danimarca. Sembra che il meccanismo della frode giri attorno alla riscossione di dividenti di grandi banche con un “traffico” di azioni per non pagare imposte.

Media, presunta frode da 55 miliardi a Stati Ue

Il meccanismo della presunta frode è spiegato nell’inchiesta chiamata “CumExFiles”: ogni volta che un’impresa distribuisce dei dividendi, gli Stati impongono una tassa che va dal 15% al 30% ma alcuni azionisti stranieri possono godere di rimborsi sanciti da convenzioni tra più Paesi. 

I 18 media rivelano che l’evasione fiscale sui dividendi si sarebbe basata su un sofisticato traffico di azioni attraverso il trasferimento, “a tempi record“, di tali azioni a diversi proprietari esteri in modo che gli Stati europei non fossero in grado di individuare i veri detentori e rimborsassero più volte le tasse sugli stessi dividendi.