Hamilton, Raikkonen

Una gara da protagonista, forse l’ultimo grande risultato alla guida della “sua” Ferrari. Kimi Raikkonen si prende il GP degli Stati Uniti ad Austin resistendo agli assalti di Max Verstappen e di un Hamilton per il quale l’appuntamento con il titolo mondiale è solo rimandato, visto il quinto posto di Vettel, giunto alle spalle del fido scudiero di Lewis, Bottas, dopo un contatto in partenza con Ricciardo. 

Un grande traguardo per l’Iceman finlandese, che nella settimana in cui ha compiuto trentanove anni si toglie la soddisfazione di salire sul gradino più alto del podio, al termine di una gara condotta da campione, con il sorpasso ai danni di Hamilton già alla prima curva. A beffare il britannico, più del sorpasso di Kimi, è quello subito dal rampante Verstappen, che negli ultimi giri, con una strenua difesa del secondo posto, gli impedisce di festeggiare il mondiale piloti.