Giovanni Mastroeni, segretario generale cgil messina, cigl contro il salva messina, cateno del luca, infrastrutture, 16 autorità di sistema portuale, zes, milazzo, tremestieri, larderia, superamento turismo stagionale in sicilia, proposte cgil messina, provincia di messina

Giovanni Mastroeni è stato  confermato alla guida della Cgil Messina per i prossimi  quattro anni.

E’ stato eletto con 62  voti favorevoli su 65 votanti  dall’Assemblea generale del sindacato al termine del congresso provinciale che si è svolto a Messina.
“La Cgil ha una grande storia, di rappresentanza e difesa del mondo del lavoro, un impegno che prosegue per tutte le lavoratrici e i lavoratori del territorio messinese – ha detto Mastroeni – per le tante tematiche di sviluppo che devono dare una prospettiva di futuro all’intera area metropolitana di Messina e per le battaglie per i posti di lavoro, per migliori condizioni di lavoro che ci vedranno in campo al fianco anche dei pensionati e dei giovani”.

Sulle attuali questioni della città di Messina, il segretario Mastroeni ha portato la solidarietà della Cgil alla manifestazione organizzata dai cittadini in difesa del tram che si è svolta a piazza Cairoli.

La totale assenza di un progetto di sviluppo per il Mezzogiorno, la mancanza di concrete risposte alle esigenze essenziali dei cittadini del Sud, l’aumento della povertà e i metodi per contrastare la fuga di giovani e meno giovani, sono stati alcuni dei temi al centro della due giorni messinese. La denuncia della Cgil è forte e chiara: se non si parte dal lavoro non ci sarà crescita, per questo sul tavolo delle richieste emerge la necessità di investimenti per l’occupazione.

Il 31 ottobre il sindacato parteciperà alla manifestazione a fianco dei lavoratori delle aziende partecipate e degli altri settori che subiranno tagli dalle decisioni contenute nel “Salva Messina”.

“A partire dalla scelta negativa della messa in liquidazione dell’Atm”, ha sottolineato Mastroeni.