Ventura

Il pareggio con il Bologna non è andato giù a Gian Piero Ventura, che al termine della gara ha rassegnato le dimissioni da allenatore del Chievo, nonostante un contratto pluriennale firmato qualche settimana fa. Una decisione che la società clivense inizialmente aveva rifiutato, congelando la richiesta dell’ex CT, ma che adesso sembrerebbe esser pronta a rivalutare, considerando lo sfogo del capitano Sergio Pellissier

Il leader dello spogliatoio gialloblù, infatti, si è lasciato andare a un duro post su Instagram contro il tecnico: “appena arrivato già voleva andare via” e “non fate come Ventura” si legge nella didascalia della foto caricata dall’ormai quasi quarantenne bomber simbolo della formazione veronese. 

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

In questa foto c’è tutta la rabbia che ho in questo momento. Un estate pesante con il problema plusvalenze, un inizio di stagione da dimenticare e per dire che non c’è mai fine al peggio le dimissioni di un mister che dal primo momento che è arrivato se ne voleva gia andare. Pazzesco!!! In 22 stagioni da professionista pensavo di aver visto tutto ma sono costretto ad ammettere che c’è sempre qualcosa di nuovo. Comunque al Chievo siamo abituati ad essere sempre in difficoltà e ne usciremo a testa alta alla faccia di tutti quelli che in questo momento si stanno divertendo alle nostre spalle. Non si può ottenere qualcosa nella vita senza lottare non ci sarebbe gusto no? Ripartiamo ancora da zero e questa volta saremo ancora più forti 👍. Chi ama questa squadra non la può abbandonare solamente perché le cose vanno male, non è così che si fa, non fate come Ventura, si vince e si perde insieme come deve essere in una squadra. Mai mollare fino alla fine 😉 #chievobologna #campionato #seriea #pareggio #lottare #nonmollaremai #uomini #coraggio #personalità

Un post condiviso da Sergio Pellissier (@sergio_pellissier) in data:

Insomma, adesso tocca alla dirigenza valutare le opzioni sul tavolo, per scegliere il terzo allenatore stagionale dopo l’ex capitano D’Anna e la fallimentare parentesi con Ventura in panchina. La pausa per le nazionali, in tal senso, non poteva cadere in un momento migliore.