Aggiornato alle: 08:35

Mafia, a Corleone esempi di legalità

di Redazione

» Cronaca » Mafia, a Corleone esempi di legalità

Mafia, a Corleone esempi di legalità

| sabato 17 Novembre 2018 - 15:23
Mafia, a Corleone esempi di legalità

E’ un chiaro segno dell’affermazione dello Stato quello dato oggi a Corleone: la strada dove abita la famiglia del boss Totò Riina cambia nome ed è intitolata a Cesare Terranova, il giudice ucciso insieme al maresciallo Lenin Mancuso, il 25 settembre 1979 perché per primo cominciò a indagare sull’attività mafiosa dei corleonesi.

L’iniziativa è nata dalla volontà dei commissari straordinari che reggono il comune di Corleone sciolto per infiltrazioni mafiose lo scorso agosto, i viceprefetti Giovanna Termini e Rosanna Mallemi, il funzionario Maria Cacciola, sostenute dal prefetto di Palermo, Antonella De Miro.

In un paese che a breve sarà chiamato alle urne, la continua conferma della presenza dello Stato rappresenta un fermo passo avanti nella lotta contro la mafia, dove, anche se ormai i simboli di un tempo della stessa mafia sembrano destinati a cadere nell’oblio in favore di nuove e potenti organizzazioni criminali, è più che mai necessario non abbassare la guardia.

Azioni volte alla sanificazione del territorio, come il cambio di nome dell’asilo nido del paese, dedicato a  Caterina e Nadia Nencioni, le due bambine vittime di Cosa nostra, morte nella strage di Via dei Georgofili a Firenze del 27 maggio 1993.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it