massimo ferrero, sequestro di beni presidente Sampdoria, sampdoria calcio sotto accusa, guardia di finanza,

Sequestro di beni per un valore di 2,6 milioni alla società calcistica U. C. Sampdoria, del presidente Massimo Ferrero. Altre 5 persone sono indagate. La procura della Federcalcio, guidata da Giuseppe Pecoraro, ha aperto un fascicolo sul presidente. Sono già stati avviati contatti con la Procura di Roma e al più presto saranno acquisiti gli atti dell’inchiesta a carico di Ferrero.

Sono state sequestrate, in particolare, le disponibilità finanziare riferibili agli indagati e un immobile residenziale sito in via dei Renai a Firenze.

Sampdoria, sequestro di beni per 2,6 milioni al presidente Ferrero

Le ipotesi di reato contestate sono, a vario titolo, quelle di emissione e utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, appropriazione indebita, autoriciclaggio, truffa e impiego di denaro di provenienza illecita. Il sequestro per la società calcistica della Sampdoria ammonta a oltre 200 mila euro, corrispondente al profitto del reato tributario accertato. 

Il decreto di sequestro preventivo è stato emesso dal gip del Tribunale di Roma, su richiesta della locale Procura, ed eseguito dal Nucleo speciale di polizia valutaria della guardia di finanza.