Coronavirus, Conte incontra delegazioni della maggioranza

di Maria Pia Ferlazzo

» Cronaca » Coronavirus, Conte incontra delegazioni della maggioranza

Coronavirus, Conte incontra delegazioni della maggioranza

| domenica 26 Aprile 2020 - 13:22
Coronavirus, Conte incontra delegazioni della maggioranza

La definizione della Fase2 è al centro del vertice tra il premier Giuseppe Conte e i capi delegazione della maggioranza, in corso a Palazzo Chigi. Alle 15 Conte incontrerà le delegazioni di Regioni, Anci e Upi.

Secondo l’Anci, dal governo servono indicazioni chiare, inequivoche – Conoscere prima del 4 maggio l’elenco delle attività che riaprono per adottare le misure necessarie in materia di mobilità e trasporto, per regolare gli orari di uffici ed esercizi, il corretto utilizzo da parte dei cittadini degli spazi pubblici come i parchi, con eventuale indicazione dell’età. E’ la prima richiesta che l’Anci presenterà al Governo, a cui chiede anche “indicazioni chiare e inequivoche sul corretto utilizzo delle mascherine alla popolazione e ai lavoratori, assicurando disponibilità nelle farmacie ad un prezzo fisso calmierato”.

I sindaci chiedono a Conte misure indispensabili per la fase 2 – “Noi Sindaci, fin dall’inizio di questa emergenza, abbiamo garantito collaborazione al Governo con senso di responsabilità e in un sincero spirito di solidarietà tra istituzioni – è la lettera che i sindaci hanno inviato a premier Conte con le loro proposte in vista della cabina di regia -, che riteniamo doveroso. Oggi, confermando la nostra leale collaborazione, rivendichiamo alcune misure che riteniamo indispensabili per avviare la fase due, per una ripartenza vera, che non lasci indietro nessuno. E lo facciamo con la nostra abituale concretezza”.

Conte anticipa i contenuti del prossimo provvedimento a Replubblica in un’intervista: “Stiamo lavorando per consentire la ripartenza di buona parte delle imprese, dalla manifattura alle costruzioni per il 4 maggio. Non possiamo protrarre oltre questo lockdown: rischiamo una compromissione troppo pesante del tessuto socio-economico del Paese”.

Il premier conferma che il rientro a scuola è previsto “a settembre”. “Annunceremo questo nuovo piano al più tardi all’inizio della prossima settimana – afferma il capo del governo – La condizione per ripartire sarà il rigoroso rispetto dei protocolli di sicurezza, per i luoghi di lavoro, per le costruzioni e per le aziende di trasporto. Nel rispetto di queste condizioni rigorose, potranno riaprire, già la settimana prossima, passando però dal vaglio dei prefetti e con autocertificazione, attività imprenditoriali che consideriamo ‘strategiche’, quali lavorazioni per l’edilizia carceraria, scolastica e per contrastare il dissesto idrogeologico, come pure attività produttive e industriali prevalentemente votate all’export, che rischiano di rimanere tagliate fuori dalle filiere produttive interconnesse e dalle catene di valore internazionali”. “Il piano che presenteremo – fa sapere – sarà molto articolato perché conterrà anche una più generale revisione delle regole sul distanziamento sociale. Revisione delle regole, voglio chiarirlo subito, non significa abbandono delle regole”.

Sul tema delle autocertificazioni sottolinea: “Non siamo ancora nella condizione di ripristinare una piena libertà di movimento, ma stiamo studiando un allentamento delle attuali, più rigide restrizioni. Faremo in modo di consentire maggiori spostamenti, conservando, però, tutte le garanzie di prevenzione e di contenimento del contagio”. Agli alleati Ue e Nato preoccupati dagli aiuti in arrivo da Russia e Cina fa sapere: “Le nostre posizioni in politica estera non mutano, non possono certo dipendere dalla pandemia”. Sull’ipotesi appoggio esterno di Berlusconi, commenta: “Apprezzo il sostegno, ma è bene che i ruoli restino distinti”.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820