Edigma - Web agency Palermo
Edigma - Web agency Palermo

LA visita

Gentiloni in visita nelle aree colpite dal terremoto
“La ricostruzione al centro dell’agenda di governo”

di . Categoria: Cronaca, Lazio, Umbria

Angela merkel, emmanuel Macron, macron, migranti italia, migranti ue, politica migratoria ue, trilaterale migranti italia

La ricostruzione al centro dell’agenda del governo. Questo il segnale dato dal presidente del Consiglio Paolo Gentiloni che nel giorno della vigilia di Natale ha visitato e mostrato la propria solidarietà per i cittadini colpiti dal terremoto dello scorso 30 ottobre. Il premier ha visitato dapprima Norcia (Perugia), poi San Ginesio (Macerata) e Amatrice (Rieti), dove ha incontrato i giornalisti e annunciato l’imminente consegna delle prime 25 casette per gli sfollati e la consegna dei primi container.

Nella zona rossa di Amatrice, la necessità di ricostruire è stata ulteriormente sottolineata: “Non mettiamo indietro alla nostra agenda il tema della ricostruzione. Qui il colpo è stato particolarmente pesante, ma adesso bisogna ricostruire per ridare speranza in uno dei borghi più belli d’Italia. Qui non stiamo pensando solo a ricostruire, ma anche al futuro. Possiamo essere orgogliosi dell’incredibile gioco di squadra visto qui come in Marche ed in Umbria: dobbiamo essere ottimisti”.

All’arrivo a Norcia in mattinata, Gentiloni accompagnato dalla moglie Emanuela Mauro, ha affermato: “Vedere la piazza fa una doppia impressione: da una parte l’impatto delle distruzioni, dall’altra di come si stia lavorando, con la gabbia attorno alla chiesa, con la torre che è stata messa in sicurezza”.

E aggiunge: “C’è un segno di volontà di riprendere, di ricostruire e soprattutto di guardare al futuro. Un incoraggiamento al sindaco, alla Regione, alle autorità locali. E l’augurio di un buon Natale, che era la cosa principale da fare in questi giorni”.

A San Ginesio, il premier è stato accolto dagli applausi di un gruppo di bambini e ha ribadito: “Le risorse per la ricostruzione dopo il terremoto ci sono, ma bisogna superare le strozzature burocratiche. Non è un problema di soldi: è un problema di lavorare insieme. L’esigenza numero sono le scuole e mettere in sicurezza in sicurezza i beni culturali, le chiese, i simboli”

24 dicembre 2016

LASCIA IL TUO COMMENTO









LE ULTIME NOTIZIE

Tutte le news