Edigma - Web agency Palermo
Edigma - Web agency Palermo

A due mesi dal voto

Le elezioni siciliane e i candidati “misteriosi”
A destra e a sinistra si brancola ancora nel buio

di . Categoria: Cronaca, Politica, Sicilia

berlusconi elezioni sicilia, candidati sicilia, elezioni sicilia, la galla sicilia, lista candidati sicilia, micari sicilia, musumeci

Chi sfiderà chi per sedere sullo scranno più alto di Palazzo dei Normanni? A due mesi dal voto, le incognite in Sicilia sono ancora tantissime. Eccezion fatta per il M5S che ha già “investito” Giancarlo Cancelleri con le sue Regionarie, nel centrodestra e nel centrosinistra continuano a mancare convergenze su nomi e programmi. Un gioco continuo fatto di aperture e repentine chiusure che ha già prodotto nell’elettorato una profonda confusione.

In casa Pd dominano le violente lotte intestine tra chi auspica un avvicinamento al presidente uscente Crocetta e chi, invece, vorrebbe un candidato di rottura. Archiviato il sogno Pietro Grasso, i dem siciliani hanno cercato un nome che potesse mettere d’accordo l’area orlandiana e quella alfaniana. Il rettore dell’Università di Palermo, Fabrizio Micari, sembrava essere l’uomo giusto. Ma Sinistra Italiana ha respinto questa ipotesi rompendo definitivamente col Pd e rimescolando nuovamente le carte. Sarà l’editore Ottavio Navarra il loro partner politico.

I nomi che escono fuori in queste ore sono quelli di profili strettamente politici, ben distanti dalle figure “istituzionali” inseguite sin qui. Ecco quindi che tornano in auge i “moderati” Giovanni La Via, Dore Misuraca, Gianpiero D’Alia e le teste di serie democratiche Davide Faraone e Giuseppe Lupo. Insomma, è difficile prevedere cosa possa accadere nelle prossime settimane, ma c’è comunque una grande, sola certezza: il Pd non può permettersi di presentarsi alle elezioni senza un proprio candidato e senza il suo simbolo in primo piano. Il “modello Orlando” proposto con successo a Palermo, alle regionali potrebbe essere quello vincente, ma bisognerà prima capire quale alleato corteggiare: la sinistra o il fronte “moderato”?

E se il centrosinistra piange, nel centrodestra la situazione non è certamente delle migliori. A guidare le danze è, come sempre, Silvio Berlusconi che nelle scorse ora ha persino rilanciato sulla sua presenza nella campagna elettorale promettendo di prendere casa a Palermo. Il Cavaliere è infatti convinto che vincendo in Sicilia, le ripercussioni a livello nazionali sarebbero più che positive.

Si dovrà però scegliere quale strada battere: quella caldeggiata dal delfino berlusconiano Gianfranco Micciché che spinge per Gaetano Armao, o quella meno divisiva che porta al catanese Nello Musumeci? Il Cavaliere, è evidente, vuole evitare i rischi di una corsa in solitaria. Anche il governatore ligure Giovanni Toti è stato chiaro in tal senso: “Se Armao è un fattore di unità, ma al momento non mi pare, va bene lui. Se lo è Musumeci, che ha raccolto già una parte dei nostri alleati storici, allora è più conveniente convergere su di lui”. Ecco quindi che per il centrodestra si stringe il cerchio: Musumeci garantirebbe l’appoggio di FdI e Lega, mentre Armao potrebbe portare a una complessa convergenza con Alfano. A Berlusconi, come sempre, l’ultima scelta.

24 agosto 2017

LASCIA IL TUO COMMENTO









LE ULTIME NOTIZIE

Tutte le news