Aggiornato alle: 20:02

Case famiglia, Cusumano (Udc) grida allo scandalo: “Troppi sprechi”

di Redazione

» Politica » Case famiglia, Cusumano (Udc) grida allo scandalo: “Troppi sprechi”

Case famiglia, Cusumano (Udc) grida allo scandalo: “Troppi sprechi”

| lunedì 29 Luglio 2013 - 12:21

cusumano

PALERMO, 29 LUGLIO 2013 – Il capogruppo Udc al Consiglio comunale di Palermo, Giulio Cusumano, grida allo scandalo che ruota intorno ai bambini in casa famiglia: “È un business – dice – sul quale chiediamo al sindaco Leoluca Orlando di indagare e di fare luce”.

 

Secondo Cusumano, “i bambini ospiti delle case famiglia di Palermo costano alle casse comunali, e quindi ai cittadini, 14 milioni di euro ogni anno. È inconcepibile che ogni singolo bambino in comunità costi alle casse dell’amministrazione comunale 2.500 euro al mese, a fronte di un contributo di soli 250 euro mensili erogati ad ogni famiglia affidataria che decide di ospitare all’interno del proprio nucleo familiare un bambino facendolo uscire dalla comunità in cui viveva e donandogli amore e attenzioni”.

 

“La proposta, condivisa con l’Afap, Associazione famiglie affidatarie di Palermo, di chiedere un contributo di 250 euro da parte delle coppie che decidono di sposarsi negli edifici di prestigio del Comune di Palermo (Palazzo delle Aquile e Villa Niscemi) – e di stanziare le somme raccolte in un apposito fondo a sostegno alle famiglie affidatarie non è una idea pensata per “spillare” soldi ai cittadini. È inammissibile che il diritto di ogni bambino a una famiglia non solo non sia tutelato ma che, anzi, favorisca un business ai danni delle già asfittiche casse comunali, un circolo di denaro che non ha giustificazioni”.

 

“La nostra società – aggiunge Cusumano – vive una crisi finanziaria e di valori. Promuovere l’affido familiare non è soltanto un gesto d’amore nei confronti di un bambino ma un intervento a favore del cittadino perché la nostra società ha bisogno di promuovere la solidarietà ma anche di risolvere le problematiche dei cittadini e delle stesse istituzioni. La Sicilia è fanalino di coda in Italia in materia di affido. È ora di invertire questa tendenza negativa. A cominciare da Palermo”.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it