Aggiornato alle: 13:27

Berlusconi, vertice ad Arcore. Pdl unito attorno al Cavaliere

di Redazione

» Dal mondo » Berlusconi, vertice ad Arcore. Pdl unito attorno al Cavaliere

Berlusconi, vertice ad Arcore. Pdl unito attorno al Cavaliere

| sabato 24 Agosto 2013 - 18:29

berlusconi silvio

ROMA, 25 AGOSTO 2013 – È durato oltre cinque ore il vertice di Arcore che doveva tracciare la strategia del Pdl in vista del 9 settembre, quando verrà discussa in Giunta al Senato la decadenza da senatore di Silvio Berlusconi. E arrivano i primi commenti.

 

Dalle prime dichiarazioni affidate ad Angelino Alfano, in viste di segretario del partito, sembra che nel partito abbia prevalso la linea dei “falchi”: senza agibilità politica del Cavaliere sarà crisi. Ma dal vertice filtrano anche altre indiscrezioni. Il Pdl sarebbe compatto nell’accettare la linea che detterà direttamente Silvio Berlusconi e che ancora è in via di definizione.

 

Ad Arcore l’avvocato di Berlusconi Niccolò Ghedini, il capogruppo alla Camera Renato Brunetta, il capogruppo al Senato Renato Schifani, Daniele Capezzone, Daniela Santanché, Maria Stella Gelmini, i ministri Lorenzin, Quagliariello, Lupi, De Girolamo, C’erano anche i figli di Berlusconi e vari parlamentari.

Per Alfano “La decadenza di Silvio Berlusconi dalla carica di senatore è impensabile e costituzionalmente inaccettabile. Tutti insieme rivolgeremo alle massime istituzioni della Repubblica, al primo ministro Letta e ai partiti che compongono la maggioranza, parole chiare sulla questione democratica che deve essere affrontata per garantire il diritto alla piena rappresentanza politica e istituzionale dei milioni di elettori che hanno scelto Silvio Berlusconi”. Ma anche “sul necessario rispetto degli impegni programmatici assunti dal governo a partire dall’abolizione dell’Imu su prima casa e agricoltura. Non c’è più tempo per rinvii e dilazioni”.

 

“È finita, finalmente. Il governo Letta cadrà. L’ha detto anche il presidente, che non mi è mai sembrato così forte, tranquillo e determinato: non dobbiamo aspettarci niente, perché da Napolitano, da Letta e dal Pd niente avremo”. Daniela Santanchè esulta in un’intervista a Repubblica raccontando il summit di Arcore e spiegando che Alfano ha capito che aria tirava e si è subito allineato mentre Cicchitto, Schifani, Quagliariello, Lupi fanno a gara nel dire che si può mediare, ma sbagliano.

 

Cicchitto le risponde a stretto giro: “Non ci sembra che abbia scelto il momento più opportuno per fare questo elenco dei buoni, dei cattivi e dei mediocri del Pdl”.

 

Bondi, parlando con il Corriere della Sera, ribadisce che se il Pd vota la decadenza di Berlusconi le elezioni saranno inevitabili. 

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820