parla valeria cimò l'attivista palermitana colpita a una manifestazione no muos a niscemi

Duecento giovani dei centri sociali stanno manifestando davanti al carcere dell’Ucciardone, a Palermo, per chiedere la liberazione di Michele, l’attivista del movimento ‘No Muos’ fermato durante gli scontri di sabato scorso in piazza Verdi, con gli agenti che hanno effettuato cariche di alleggerimento per disperdere i manifestanti.

Davanti al carcere borbonico ci sono numerosi agenti di polizia in tenuta antisommossa. I giovani manifestanti di ‘Anomalia’ hanno fatto due volte il giro intorno al carcere urlando cori antifascisti e contro le forze dell’ordine. Continuano, intanto, le indagini delle forze dell’ordine sugli scontri di sabato. Sono una quindicina le persone, fotografate o videoriprese dalla Digos durante la manifestazione di piazza, la cui posizione è al vaglio degli inquirenti.