bari arresti per due tentati omicidi, i carabinieri arrestano 7 persone per due tentati omicidi, terlizzi due tentati omicidi 7 persone in manette, terlizzi sette persone in manette per due tentati omicidi

Tra il 1984 e il 1993 sono morte 7 persone in cinque agguati di mafia: oggi due ordinanze di custodia cautelare sono state notificate in carcere dai carabinieri di Catania al boss Alfio Laudani, 67 anni, capo dell’omonimo clan, e a Camillo Fichera, 59 anni, per questi omicidi.

Le indagini dei militari dell’Arma sono state coordinate dalla Dda della Procura etnea, che si è avvalsa delle dichiarazioni dei ‘pentiti’ Giuseppe Maria Di Giacomo e Alfio Lucio Giuffrida.

L’inchiesta ha fatto luce sull’uccisione dell’ex pilota di auto da corsa Alfio Gambero, assassinato il 1 luglio del 1984 a Tremestieri Etneo perché ritenuto un ‘cane sciolto’ che danneggiava gli interessi del gruppo criminale. Due agguati sarebbero stati di ‘pulizia interna’: quello a Salvatore Gritti eliminato il 10 maggio del 1991, e il duplice omicidio, risalente al 20 del 1993, di Domenico Peluso e Camillo Caruso, perché ritenuti poco affidabili.

Nell’ambito della guerra di mafia tra clan contrapposti sarebbero invece da inquadrare l’assassinio di Giovanni Piacenti, della cosca dei ‘Ceusi’ il 3 agosto del 1993 a Giarre, e dell’avvocato Salvatore Di Mauro e del suo segretario Francesco Borzì, il 24 giugno del 1993, nello studio legale di Catania, perché considerato dai Laudani l’artefice di strategie del gruppo della cosca rivale dei ‘Puntina’.