gae aulenti google doodle 4 dicembre

Giorgio Napolitano l’ha definita “protagonista di primo piano della storia dell’architettura contemporanea” e oggi avrebbe compiuto 86 anni: parliamo di Gae Aulenti, designer e architetto italiana, a cui Google ha dedicato oggi il doodle nella propria homepage italiana, mostrando una delle sue opere più conosciute, la lampada Pipistrello, realizzata nel 1965 per lo showroom Olivetti a Parigi.

gae aulenti google doodle 4 dicembre

Nata in provincia di Udine il 4 dicembre del 1927 e laureata al Politecnico di Milano nel 1953, aderisce in un primo momento al movimento del neorealismo, per poi seguire verso la fine degli anni Cinquanta il neoliberty. Dopo aver fatto parte per circa dieci anni della redazione della rivista Casabella, lavorando parallelamente come assistente universitaria a Venezia, per poi tornare negli anni Sessanta nuovamente al Politecnico di Milano, negli anni Ottanta diventa corrispondente dell’Accademia Nazionale di San Luca di Roma e qualche anno dopo le viene affidato l’incarico di presidente dell’Accademia di Belle Arti di Brera.

Una carriera di tutto rispetto per Gae, diminuitivo di Gaetana, che vanta la realizzazione di progetti importanti in tutta il mondo, come l’allestimento interno del Museo d’Orsay e del Museo d’Arte Asiatica di San Francisco, la risistemazione di Piazzale Cardona a Milano e l’Istituto di cultura italiano a Tokyo, ricevendo durante la sua carriera vari importanti riconoscimenti come il titolo di Dama di gran croce dell’Ordine al merito della Repubblica italiana.

Scompare a Milano il 31 ottobre 2012  e l’ultima sua opera è stata la restaurazione e trasformazione in centro polifunzionale di Palazzo Branciforte a Palermo.