poveri-eurostat, povertà in Italia, povertà in aumento, eurostat, 7 milioni i poveri in Italia
poveri-eurostat

Il 19% dei minori siciliani vivono in povertà assoluta, si tratta di 175 mila piccoli, il dato più alto d’Italia. Questo il punto sulla condizione minorile in Italia tracciato nel report “L’Italia SottoSopra”, il quarto Atlante dell’infanzia (a rischio) in Italia di Save the Children, diffuso stamattina. Presenti, tra gli altri, il ministro del Lavoro e delle Politiche sociali Enrico Giovannini, l’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza Vincenzo Spadafora, il dirigente nel servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d’Italia Paolo Sestito.

In Sicilia la condizione di svantaggio sempre più spesso va di pari passo con una contrazione dei servizi socio-educativi e socio-sanitari: per esempio è diminuita la percentuale di bambini presi in carico dagli asili pubblici (-0,2%), per un totale del 5,3%, e una contrazione riguarda anche il numero di consultori, ridottisi di 8 unità.

La condizione di povertà assoluta  riguarda anche il 13,9% dei minori che vivono in tutte le regioni del Sud.  Inoltre sono in crescita i bambini e adolescenti in disagio abitativo. La provincia di Palermo è in testa alla classifica con 1 famiglia su 316 sfrattata per morosità; oltre 523.000 i minori che vivono in comuni in default o sull’orlo del fallimento.

Il 24% di ragazzini di 8/9 anni è in sovrappeso e il 13,4% in condizioni di obesità: il cibo buono costa e il 71% delle famiglie con minori ha tagliato la quantità/qualità per almeno un bene alimentare, 163 euro al mese il taglio dei consumi non alimentari.

Inoltre, tra il 2017 e il 2012 in Sicilia la spesa media mensile non alimentare dei nuclei con bambini si è ridotta di 163 euro al mese. A livello nazionale, in generale, i tagli più consistenti si registrano al Sud e al Centro (rispettivamente – 2,56 e 1,82) per quanto riguarda il vestiario, al Nord per la sanità (-0,66%) e nuovamente nel Mezzogiorno per il tempo libero e la cultura (-0,90 punti percentuali).

Per quanto riguarda la spesa alimentare, nel 2012 il 71% di famiglie con figli in Sicilia ha ridotto la qualità/quantità della spesa per almeno un genere alimentare. Alla regione va anche la maglia nera di dispersione scolastica. È del 25% la quota di minori che abbandonano prematuramente la scuola, la percentuale più alta dello stivale insieme a quella della Sardegna.