corso finocchiaro aprile palermo la protesta dei commercianti contro polizia e vigili urbani

Una cinquantina di commercianti hanno transennato corso Finocchiaro Aprile, a un centinaio di metri dal palazzo di Giustizia di Palermo, e stanno deviando il traffico in segno di protesta contro quello che viene definito “un presidio permanente della polizia municipale in una zona della città dove non esistono parcheggi”. Secondo gli esercenti “i continui blitz dei vigili urbani e della polizia stanno penalizzando le attività del luogo, portando alcune di esse alla chiusura”.

“Un accanimento ingiustificato – dicono i commercianti – Non comprendiamo come mai un’attenzione così alta sia rivolta solo a questa zona di Palermo, mentre in altre strade commercianti e ambulanti lavorano indisturbati”.

“Questa manifestazione è stata messa in piedi – spiega Luigi Giaconia, commerciante della zona -, per attirare l’attenzione del sindaco e del Consiglio comunale. Siamo stanchi di questo presidio totale della polizia municipale che ha assunto i contorni di una ronda ‘persecutoria’. Vorremmo un incontro con l’amministrazione comunale per cercare di risolvere un problema che ci sta portando alla chiusura in quanto il commercio sta venendo decentrato in maniera sistematica verso i grandi centri commerciali alle periferie della città”.

È innegabile, però, che esista un problema legato alle doppie file in corso Finocchiaro Aprile. La via, da anni, è piena di auto che parcheggiano indiscriminatamente creando un effetto imbuto con effetti prevedibili sul traffico della zona, già abbastanza congestionato di suo. “Le doppie file esistono in tante altre zone di Palermo – aggiunge Giaconia – ma l’accanimento dei vigili urbani lo vediamo solo qui. In nessun’altra parte della città esiste una presenza costante sul territorio, dodici ore al giorno, come in corso Finocchiaro Aprile. Qua non esistono parcheggi, e quelli presenti son solo zone blu che hanno un costo notevole sulle tasche dei cittadini”.

I commercianti tengono a sottolineare che nessuno di loro ha mai piazzato strutture abusive: “Noi abbiamo tutte le autorizzazioni – affermano in coro -. Chiediamo solo un po’ di flessibilità come accade ovunque. Altrimenti saremo costretti a chiudere, a portare le chiavi e le autorizzazioni delle nostre attività al sindaco”.

La protesta sembra permanente: gli esercenti hanno dichiarato che l’iniziativa andrà avanti “finché il sindaco o l’amministrazione non verranno qui a darci delle risposte”.

“L’assurda protesta dei commercianti di corso Finocchiaro Aprile – ha commentato il sindaco Orlando – non ha alcuna motivazione e fondamento, visto che gli interventi svolti in queste settimane dalla Polizia Municipale hanno avuto come obiettivo il contrasto dell’abusivismo commerciale e della sosta in doppia e terza fila che trasforma(va) la via in una sorta di camera a gas. Si tratta proprio di interventi di cui i commercianti che operano in regola con la legge dovrebbero essere contenti.”

“I commercianti devono scegliere se farsi sobillare da qualcuno che sembra voler mostrare inutilmente i muscoli o se stare dalla parte della legalità. Una legalità – conclude – che mai come in questo caso è proprio ciò di cui i commercianti hanno bisogno per liberare sé stessi e la propria città.”

 

GUARDA LE FOTO DELLA PROTESTA