gazebo, comune palermo, amianto

Idv, Leva, Pd, Centrodemocratico hanno deciso di presentare una proposta di deliberazione in Consiglio comunale per chiedere di modificare il regolamento sulla Tares prorogando la scadenza per le comunicazione di agevolazione o esenzione dalla data 31 ottobre 2013 al 30 aprile 2014. “Si tratta di una proposta che va incontro alle ragioni dei cittadini contribuenti, che mai devono subire iniziative penalizzanti dei loro diritti – dicono i consiglieri Filippo Occhipinti (Idv) e Rosario Filoramo (Pd) – In particolar modo pensiamo a tutte le fasce deboli, anziani per primi, che solo successivamente alla ricezione della cartella sono venuti a conoscenza delle possibilità di agevolazioni”.

“L’introduzione della Tares ha creato notevoli disagi economici e organizzativi alle famiglie palermitane – prosegue la nota inviata dai gruppi consiliari -. Tra questi è stato concesso un lasso di tempo breve alla cittadinanza per comunicare la richiesta di agevolazione. Il consiglio comunale ha approvato il regolamento sulla Tares con deliberazione n. 331 del 27 settembre 2013, le comunicazioni del versamento a saldo per il 2013 sono state inviate dal settore tributi dopo la data del 31 ottobre 2013, termine ultimo assegnato per la richiesta di agevolazioni, riduzioni ed esenzioni”. “Non servono ulteriori commenti – prosegue la nota – per dimostrare lo scarso lasso di tempo concesso alla cittadinanza per richiedere le agevolazioni.

Lo statuto del contribuente del 2000 prevede che le disposizioni tributarie non possono prevedere adempimenti a carico dei contribuenti la cui scadenza sia fissata anteriormente al 60/mo giorno dalla data della loro entrata in vigore e che l’amministrazione finanziaria deve assumere idonee iniziative volte a consentire la completa e agevole conoscenza delle disposizioni legislative e amministrative vigenti in materia tributaria. Inoltre, deve portare a conoscenza dei contribuenti tempestivamente e con i mezzi idonei tutte le circolari e le risoluzioni da essa emanate, nonché ogni altro atto o decreto che dispone sulla organizzazione, sulle funzioni e sui procedimenti”.