lettera del fratello cuffaro

Esprime ”sgomento e indignazione” Silvio Cuffaro, fratello dell’ex Presidente della Regione Sicilia Totò, dopo che il tribunale di sorveglianza di Roma ha negato l’affidamento ai servizi sociali all’ex politico. ”E’ davvero singolare che un detenuto, da tutti definito ‘modello’, qual è stato Totò Cuffaro, non venga riconosciuto all’altezza, così come la nostra Costituzione e il Codice Penale prevede, di potere riabilitarsi e concludere la pena in affido all’associazione nazionale ciechi.

Che giustizia è questa? Che nazione è l’Italia”, dice Silvio Cuffaro. “La storia giudiziaria di Totò Cuffaro – continua Silvio Cuffaro – è stata costellata di ombre e di strani accadimenti che hanno permesso una condanna in Cassazione profondamente ingiusta. Come può collaborare con la giustizia chi non ha mai avuto nessun contatto con affiliati o sodali dell’associazione mafiosa così come da verbali processuali di Salvatore Aragona, coimputato e ora pentito?”.

“È davvero lunga la serie di fatti – conclude – che mi portano a pensare che in Italia appartenere ad una certa classe politica non consenta di avere giustizia. Nonostante tutto sono certo che mio fratello avrà la forza di andare avanti con la stessa dignità che lo ha sempre contraddistinto e che un giorno la verità trionferà sulle bugie e su una falsa verità processuale”.

Cuffaro dice anche: “Come può  avere favorito la mafia chi diverse volte, come da verbali  processuali, invita Salvatore Aragona a troncare qualsiasi  rapporto con suoi amici mafiosi? Come si può pensare che Totò  Cuffaro abbia favorito la Mafia se da Presidente della Regione  non solo non ha mai finanziato investimenti in favore di  soggetti appartenenti alla consorteria mafiosa e finanziando  invece presidi ed attrezzature di contrasto alla mafia e  legiferando abbondantemente in tal senso?”.

“Da ultimo – prosegue – come può pensarsi che sia mafioso un  politico le cui telefonate effettuate da ben undici utenze  telefoniche diverse (un milione e mezzo circa di telefonate)   non abbiano mai incrociato numeri o celle telefoniche di  appartenenti all’associazione mafiosa?”.     ”E’ davvero una vicenda Pirandelliana nella sua assurdità,  contraddittorietà e lacunosità. Nonostante sia stato celebrato  un processo solo indiziario basato su una perizia fatta da un  non ‘perito’ su bobine, come da lui stesso dichiarato,  manipolate in quanto sono stati tagliati i tempi ‘morti’ senza  la presenza della controparte. Bobina originale oggi smarrita  e  nonostante le reiterate richieste dei nostri avvocati  mai  consegnataci”.