Il Trapani ferma la sorpresa di questo campionato in una gara dove nel primo tempo avrebbe potuto dilagare, mentre nel secondo ha subito i calabresi.

Vittoria in fondo meritata per i granata, che seppur soffrendo in qualche frangente, hanno fattto una gara accorta, fatta di ordinato contenimento e di ripartenze sempre pericolose.

Boscaglia mantiene la stessa fomazione vincente sabato scorso in trasferta, mentre il Crotone, sulla carta con tre punte, parte invece con un 4-5-1, con Pettinari unica punta.

Al 7′ è già in vantaggio il Trapani: svarione difensivo del Crotone e pallone a campanile alzato da Gomis, su cui si avventa per primo Abate, mettendo in rete di testa a porta vuota. È la prima rete in B dell’attaccante granata.

Al 14 ‘bella ripartenza di Torromino con Del Prete che manca la deviazione. A questo punto il Trapani arretra il baricentro per aprire spazi ai suoi attaccanti, mentre il Crotone staziona sulla trequarti granata senza però impensierire mai Nordi, mentre Ciaramitaro e Caccetta compiono un ottimo filtro a centrocampo.

Al 18′ Mancosu si libera sulla fascia e crossa al centro, ma Nizzetto non arriva sul pallone per la deviazione. Al 26′ lancio su Mancosu dalla fascia destra che supera il difensore, il suo diagonale è deviato in angolo dal portiere. Passano tre minuti ed è Caccetta con un gran tiro dall’interno dell’area a impegnare Gomis.

È sempre uno scatenato Mancosu al 38′, sulla linea di centrocampo a proteggere la palla, a difenderla dal ritorno di 4 difensori e calciare un velenoso diagonale che il portiere calabro devia in angolo. Al 43′ sempre Mancosu è fermato con le maniere forti al limite dell’area del Crotone.

All’inizio del secondo tempo Drago sostiuisce Torromino con il 19enne Bernardeschi, per dare più peso all’attacco. Boscaglia risponde un minuto dopo con l’ingresso di Terlizzi al posto del già ammonito Martinelli. Ed è subito il Trapani al 47′ a rendersi pericoloso, ma sul ribaltamento di fronte in area granata è Pettinari a tentare il colpo di tacco “alla Palacio”, ma la palla esce di poco.

Al 53′ è Abate a essere steso al limite dell’area, e Ciaramitaro sulla punizione sfiora il palo alla destra di Gomis. Il Crotone in questa fase fa girare meglio la palla anche perché i granata abbassano il ritmo e pressano con minor vigoria, così al 61′ Boscaglia sostituisce Abate con Pirrone, lasciando il solo Mancosu in avanti.

Ma il Trapani, in questo modo, non riesce più a ripartire e soffre il forcing calabrese nella fase centrale del tempo. Per questo Boscaglia alla mezz’ora mette dentro Iunco per Caccetta e il Trapani paradossalmente ritrova più equilibrio. Su punizione Terlizzi al 79′ si ritrova solo davanti al portiere ma svirgola malamente il pallone.

All’ 87′ tiro cross che rischia di beffare Nordi, che riesce a mettere sopra la traversa. Potrebbe raddoppiare il Trapani con Iunco servito dentro l’area da Mancosu, ma subisce il ritorno dei difensori ospiti.Nel recupero palla velenosa per Bidauoi che non riesce a deviare sottoporta.

TABELLINO

TRAPANI (4-4-2): Nordi; Daì, Pagliarulo, Martinelli (47′ Terlizzi), Rizzato Garufo, Caccetta (76′ Iunco), Ciaramitaro, Nizzetto; Abate ( 61′ Pirrone), Mancosu. Allenatore:  Roberto Boscaglia

CROTONE (3-4-2-1): Gomis Ligi, Del Prete, Abruzzese Dezi, Mazzotta, Crisetig, Matute (64′ Cataldi); Bidaoui, Torromino (46′ Bernardeschi); Pettinari (75′ Ishak). Allenatore: Massimo Drago

Arbitro: Pasqua di Tivoli

Reti:  7′ Abate