Aggiornato alle: 13:05

Montante lancia l’allarme: “Troppi trent’anni di cattiva gestione | La Regione siciliana è vicina al default”

di Redazione

» Cronaca » Montante lancia l’allarme: “Troppi trent’anni di cattiva gestione | La Regione siciliana è vicina al default”

Montante lancia l’allarme: “Troppi trent’anni di cattiva gestione | La Regione siciliana è vicina al default”

| venerdì 14 Marzo 2014 - 11:50
Montante lancia l’allarme: “Troppi trent’anni di cattiva gestione | La Regione siciliana è vicina al default”

“La Regione siciliana sta arrivando al default, non per responsabilità del governo Crocetta ma per trent’anni di cattiva gestione. Per evitare di rimanere prigioniero, il governatore dopo avere destrutturato il sistema, lavoro apprezzabile, adesso passi al secondo step quello della ricostruzione: predisponga un business plan di 4-5 punti su cui concentrare gli sforzi per lo sviluppo, affidandosi a gente esperta, competente e dai comportamenti etico-morali irreprensibili”.

A lanciare l’allarme conversando con l’ANSA è il presidente di Confindustria in Sicilia e responsabile nazionale per la legalità, Antonello Montante. “Il problema è molto serio – sostiene Montante – le imprese sono seriamente preoccupate e chi pensa ancora che tanto poi arriva l’aiuto dello Stato si sbaglia di grosso”.

Proprio ieri notte la giunta Crocetta ha approvato la manovra bis da 300 milioni destinati a pagare gli stipendi a forestali e personale di enti e consorzi pubblici, rimasti senza salario da tre mesi per l’impugnativa di buona parte della legge di stabilità 2014 da parte del commissario dello Stato, col conseguente blocco della spesa per 570 mln, transitata nel fondo indisponibile a garanzia dei residui attivi, crediti inesigibili. “Gli stipendi è ovvio vanno pagati – afferma Montante – ma ora bisogna pensare a sostenere le imprese e le famiglie siciliane con politiche di sviluppo e di tagli agli sprechi”.

Montante poi lancia l’idea di un “Cottarelli” in Sicilia per mettere in atto una mega operazione di spending review per liberare la Regione da sprechi e spese folli.

“Crocetta si affidi a specialisti o a società di revisione che si occupano di revisione della spesa pubblica – continua Montante – Occorre fare una verifica su tutti i numeri della pubblica amministrazione e per farlo servono esperti che vanno pagati anche uno-due-tre mesi e che non hanno alcun rapporto compromissorio col sistema”. Secondo Montante solo così “si può fare una vera e seria spending review senza scandalizzarsi che non siano interni all’amministrazione ad occuparsene”, perché “in questo momento in Sicilia sta accadendo qualcosa che va oltre al Gattopardo di Tomasi di Lampedusa: tutti controllano tutti, peggio di quanto avveniva in passato, e ci sono lobbies impegnate a rallentare se non a impedire investimenti e processi di sviluppo”.

“Crocetta si affidi a professionisti esperti – conclude il leader degli industriali siciliani – poi sarà lui a decidere cosa attuare e cosa no”.

“I tavoli? Neanche a me piacciono, preferisco gruppi di lavoro, troppi tavoli bloccano le scelte. Non dico che Renzi abbia ragione, ma dobbiamo accelerare, ascoltare i sindacati e gli imprenditori è positivo, poi spetta a chi amministra decidere – prosegue il presidente di Confindustria Sicilia – i tavoli li fanno i mobilieri”, riferendosi ai rapporti con le parti sociali. “Non bisogna scambiare i ruoli il nostro compito è far vedere a un amministratore quale sia la strada giusta. L’importante è che l’amministratore tenga conto delle strade virtuose che gli vengono indicate dalle parti sociali. Se poi il confronto non si traduce in fatti questo allora non va bene, ma se c’è ascolto e azione allora il risultato è raggiunto”.

Leggi anche:

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it