Dalle risalite lampo alle retrocessioni pericolose. Ecco i precedenti delle “nobili” decadute

di Francesco Lamiani

» Sport » Dalle risalite lampo alle retrocessioni pericolose. Ecco i precedenti delle “nobili” decadute

Dalle risalite lampo alle retrocessioni pericolose. Ecco i precedenti delle “nobili” decadute

| lunedì 12 Maggio 2014 - 16:26
Dalle risalite lampo alle retrocessioni pericolose. Ecco i precedenti delle “nobili” decadute

Gli esempi sono sotto gli occhi di tutti: nel male e nel bene. Il Catania piombato in Serie B deve guardare a chi nel recente passato ha avuto la sventura di retrocedere in Cadetteria imboccando percorsi e destini diversi.

Il caso della Sampdoria è certamente il più eloquente. La squadra blucerchiata retrocessa nella stagione in cui ha giocato i preliminari di Champions League si è presentata, l’anno dopo, in Serie B portandosi dietro pezzi di cuore blucerchiato che hanno fatto fatica ad ambientarsi in un campionato difficile come la B.

Si pensi ad Angelo Palombo: il capitano in lacrime con le mani sulle ginocchia davanti ai tifosi di Marassi che tuttavia non è riuscito a capire un torneo sfiancante come quello cadetto. La Sampdoria riuscì a risalire rapidamente in A dopo una mini rivoluzione in gennaio affidandosi a giocatori di categoria che poi hanno avuto un’ altra destinazione una volta riconquistata la massima serie.

Più in là nel tempo c’è il caso del Torino, intrappolato in B per tre stagioni, in cui si sono alternati dirigenti, allenatori e soprattutto giocatori: il tutto con uno sforzo economico incredibile da parte della proprietà del club granata.

Non si può non citare il Palermo, finito in B lo scorso anno e risalito in queste settimane dopo avere scosso il proprio organico e mantenendo in squadra solo alcuni elementi che sono risultati utili alla promozione.

Poi ci sono i casi da evitare e purtroppo sono per larga parte al Sud. La favola della Reggina in Serie A, ad esempio, ha appassionato ogni sportivo che ama il calcio: la società di Lillo Foti è riuscita a rimanere nel massimo campionato per otto anni di fila ai quali si aggiunge una stagione nel ’99-2000, ma i calabresi dopo essere retrocessi nel 2009 e sfiorato la promozione con dei play-off andati male sono piombati in una crisi che li sta portando in Lega Pro. E pensare che la Reggina vanta un impianto di proprietà e una struttura che sfornato talenti.

È andata ancora peggio a Messina dove, dopo due anni di Serie A, torna in Cadetteria dove rimane solo una stagione: nel 2008 la squadra non si iscrive ed è costretta a ripartire dai dilettanti, nonostante la Serie B in questione fosse ancora quella sotto l’egida di un’unica Lega. Storie simili si ricordano ad Ascoli e più recentemente a Bari a caccia di un acquirente che potrebbe arrivare da un’asta fallimentare indetta dal Tribunale.

Purtroppo la galassia del calcio, soprattutto negli ultimi anni, è costellata di squadre dal blasone importante rimaste soffocate da debiti e guai: un dato che dovrebbe far riflettere la Figc se davvero vuole far tornare il calcio italiano ai livelli di qualche tempo fa.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820