Condannate Costa Crociere ed Alitalia | Non avevano consegnato i bagagli

di Redazione

» Cronaca » Condannate Costa Crociere ed Alitalia | Non avevano consegnato i bagagli

Condannate Costa Crociere ed Alitalia | Non avevano consegnato i bagagli

| lunedì 11 Agosto 2014 - 15:15
Condannate Costa Crociere ed Alitalia | Non avevano consegnato i bagagli

Il Giudice di Pace di Catania Laura Milazzo ha condannato la Costa Crociere e l’Alitalia al risarcimento nei confronti di una donna di Catania che, dopo aver acquistato una crociera di otto giorni nel Nord Europa per lei ed i suoi due figli, si era vista costretta a fare a meno dei bagagli, che erano arrivati in parte dopo tre giorni di crociera, in parte il pomeriggio del penultimo giorno di vacanza.

Lo ha reso noto la Confconsumatori, che ha assistito la famiglia. In particolare è stato riconosciuto il risarcimento di 500 euro ciascuno per la signora e la figlia e di 300 euro per il figlio che aveva ricevuto per primo la valigia con tutti i propri effetti. La vicenda risale all’estate del 2012, quando madre e figli partirono in vacanza per una crociera di otto giorni denominata “Grandi città del Baltico” che prevedeva anche il trasferimento in aereo da Catania a Roma e da Roma a Copenaghen. I bagagli furono regolarmente imbarcati a Catania ma non furono riconsegnati nell’aeroporto della capitale danese. La signora, al ritorno a casa, inoltrò alla Costa Crociere una richiesta di risarcimento in via bonaria, negata dalla compagnia. Da qui la decisione di citare in giudizio la Costa Crociere, che chiamò poi in causa la compagnia aerea.

Nel corso del giudizio è stato confermato come i turisti hanno dovuto privarsi dei propri beni ed effetti personali per almeno la metà della crociera e come due su tre passeggeri per l’intera crociera hanno dovuto fare a meno di ulteriori beni, anche non di prima necessità. La Confconsumatori sottolinea come il giudice, applicando l’art. 43 del Codice dei Turismo, “ha sancito che la crociera è a tutti gli effetti un pacchetto turistico e che, quindi, dei danni sofferti dai turisti risponde l’organizzatore, in questo caso la compagnia di crociere, che è stata condannata al risarcimento danni, fatto salvo il diritto di rivalersi nei confronti della compagnia aerea, che è stata anch’essa condannata in solido”. “Si tratta – ha commentato il presidente di Confconsumatori Sicilia, avvocato Carmelo Calì – di un’importante sentenza a favore dei turisti in un settore, quello delle crociere, dove ancora vige molta incertezza e le società cercano di sottrarsi ai propri obblighi cercando di scaricarli su altri e sostenendo di non essere tenute al risarcimento”.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820