L’Oms inizia una lotta senza quartiere alle sigarette elettroniche: per l’Organizzazione mondiale della sanità la vendita delle e-cig deve essere vietata ai minorenni. La stretta dell’Oms aumento, con la raccomandazione di vietare le sigarette elettroniche anche negli spazi pubblici chiusi.

Le prove esistenti dimostrano che le sigarette elettroniche “non siano costituite da semplice vapore acqueo” e vi sono elementi sufficienti per mettere in guardia “bambini, adolescenti, donne in stato di gravidanza e donne in età procreativa” sulle conseguenze a lungo termine del consumo di sigarette elettroniche per lo “sviluppo cerebrale”.

L’Oms ha esaminato uno studio condotto dai ricercatori dei Centers for disease control and prevention (Cdc) che dimostra l’effetto del fumo elettronico sui minori: in generale, secondo alcuni sondagi condotti tra il 2011 e il 2013, gli studioso concludono che le e-cig incoraggiano a fumare.