Aggiornato alle: 14:30

Blocco stipendi, Alfano sullo sciopero della polizia | “Possibile una soluzione, ma toni troppo accesi”

di Stefania Brusca

» Politica » Blocco stipendi, Alfano sullo sciopero della polizia | “Possibile una soluzione, ma toni troppo accesi”

Blocco stipendi, Alfano sullo sciopero della polizia | “Possibile una soluzione, ma toni troppo accesi”

| venerdì 05 Settembre 2014 - 13:56
Blocco stipendi, Alfano sullo sciopero della polizia | “Possibile una soluzione, ma toni troppo accesi”

Le richieste delle forze dell’ordine “sono legittime, ma i toni e i modi usati ieri sono eccessivi”. Questo il commento del ministro dell’Interno Angelino Alfano all’indomani del comunicato unitario in cui sindacati di polizia e Cocer hanno minacciato uno sciopero generale se verrà confermato il blocco degli stipendi pubblici.

Alfano si è detto comunque convinto che “ci sono le condizioni per affrontare con serenità il problema e risolverlo”.

“I protagonisti della sicurezza – ha spiegato ancora Alfano, nel corso di una conferenza stampa sul bilancio dell’esodo estivo – sono gli uomini e le donne in divisa. A loro ribadisco che la sicurezza è una priorità assoluta di questo governo e di questo ministero in un momento delicatissimo sia sul versante interno che su quello internazionale”.

Agli operatori di polizia “è riconosciuta una specificità – ha sottolineato ancora il ministro dell’Interno – e noi lavoreremo perché sia assicurata anche nei mesi che aspettano. Esprimiamo ogni giorno la nostra vicinanza agli operatori delle forze dell’ordine, abbiamo lavorato e stiamo lavorando non per il rinnovo del contratto che non era richiesto ma per l’eliminazione dei tetti salariali: è un obiettivo che spero non venga complicato dai toni eccessivi usati nel comunicato di ieri”.

Il ministro nel pomeriggio ha incontrato al Viminale i capi di Polizia, Carabinieri e Guardia di finanza. Dopo aver sentito il ministro della Difesa Pinotti ha assicurato l’impegno per una soluzione che riconosca “il valore di chi assicura la sicurezza agli italiani”.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it