Aggiornato alle: 14:38

Sicilia, il caos del Piano giovani | Indagata la dirigente Corsello

di Redazione

» Politica » Sicilia, il caos del Piano giovani | Indagata la dirigente Corsello

Sicilia, il caos del Piano giovani | Indagata la dirigente Corsello

| lunedì 22 Settembre 2014 - 15:04
Sicilia, il caos del Piano giovani | Indagata la dirigente Corsello

La dirigente della Regione Siciliana, Annarosa Corsello, è indagata per abuso d’ufficio nell’ambito dell’inchiesta aperta dalla Procura di Palermo sul flop del “click day”, il progetto dell’assessorato alla Formazione che avrebbe dovuto mettere in contatto giovani disoccupati e imprese.

Con l’iscrizione della dirigente nel registro degli indagati si aggiunge un nuovo capitolo alla tormentata vicenda del Piano Giovani , presentato come la mossa vincente del governo siciliano per dare un lavoro ai giovani dell’Isola. Il piano prevedeva duemila percorsi di tirocinio per sei mesi, con uno stipendio di 500 euro lordi. Disoccupati e aziende avrebbero dovuto “incontrarsi” su una piattaforma informatica.  I “click day”, i giorni in cui era consentito caricare i curricula, si sono rivelati un fallimento e il sistema è andato in tilt.

Ne sono nate proteste e polemiche. Un vero e proprio scontro con scambio di accuse tra l’assessore alla Formazione Nelli Scilabra e la dirigente Corsello (che ha presentato le dimissioni), con il governatore siciliano Rosario Crocetta intervenuto in favore della prima. Saranno i magistrati stabilire le responsabilità.

Negli ambienti giudiziari si precisa che la Corsello sarà sentita come indagata per sua tutela. La data dell’interrogatorio non sarebbe stata ancora fissata. È stata la dirigente, dopo un duro botta e risposta con l’assessore alla Formazione Nelli Scilabra, anche lei comparsa davanti ai pm, a chiedere di potere incontrare l’aggiunto Dino Petralia e il pm Piero Padova. Corsello è stata “accusata” dalla Scilabra di essere una delle responsabili del fallimento del click-day. La dirigente è stata sentita in commissione all’Ars e ha rilanciato, sostenendo che l’assessore conosceva la gestione del piano giovani, di cui il click day era uno strumento, e ha sottolineato l’anomalia dell’affidamento diretto del servizio alla Ett e a Italia Lavoro (la Ett aveva il compito di occuparsi dell’aspetto informatico, Italia Lavoro dell’elaborazione dei dati dei partecipanti).

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820