Aggiornato alle: 12:32

Eolie, scoperta una nave affondata 2000 anni fa | Le ricerche con due mini sommergibili /FT

di Alessia Rotolo

» Cronaca » Eolie, scoperta una nave affondata 2000 anni fa | Le ricerche con due mini sommergibili /FT

Eolie, scoperta una nave affondata 2000 anni fa | Le ricerche con due mini sommergibili /FT

| lunedì 06 Ottobre 2014 - 17:44
Eolie, scoperta una nave affondata 2000 anni fa | Le ricerche con due mini sommergibili /<u><b><font color=”#343A90”>FT</font></u></b>

A 130 metri di profondità è stata ritrovata una nave affondata 2000 anni fa. La scoperta è stata fatta nell’ambito di alcune ricognizioni archeologiche subacquee in alto fondale nel mare di Pantelleria e delle isole Eolie. Condotte dalla Soprintendenza del Mare in collaborazione con la Global Underwater Explorers (GUE) che ha messo a disposizione due mini sommergibili biposto dotati di braccio meccanico e attrezzature di documentazione videofotografiche. Oltre alla nave è stato rinvenuto un antico altare con decorazione in rilievo ad onde marine che dimostra che a bordo delle antiche navi si facevano sacrifici agli dei per propiziarsi la navigazione.

Le ricerche sui siti indicati dalla Soprintendenza del Mare sono state effettuate con due sommergibili “Triton submersibles” e con l’impiego di subacquei altofondalisti. La campagna di esplorazioni archeologiche in alto fondale è stata condotta nelle acque di Pantelleria, Lipari e Panarea. Coordinata per la Soprintendenza del Mare. A Pantelleria sono state effettuate ricognizioni subacquee sui fondali di Cala Levante, Cala Tramontana e Cala Gadir fino a profondità di oltre 100 metri individuando vari areali con presenza di anfore di varia tipologia (principalmente greco-italiche e puniche).

“Di relitti antichi e moderni nella mia lunga carriera di archeologo ne ho visto e toccato a decine – Ha detto il Soprintendente del Mare Sebastiano Tusa – ma essere riuscito a raggiungere un relitto di una nave naufragata 2000 anni fa che si trova nel buio e nel silenzio di 130 metri di profondità mi ha dato un’emozione indescrivibile che non avevo mai provato. Il risultato più eclatante è stata la scoperta di un reperto eccezionale: un altare in terracotta su colonnina con decorazione in rilievo ad onde marine”.

L’attività più consistente e di successo si è avuta con il relitto di Panarea III, già identificato nel 2010 in seguito ad una campagna di rilevamenti a mezzo side scan sonar con la collaborazione della Fondazione Aurora Trust. In particolare si è notato che la maggior parte delle anfore sono del tipo greco-italico, ma una consistente parte era anche costituita da anfore puniche posizionate su una estremità del carico che si ipotizza essere la parte prodiera.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it