Aggiornato alle: 11:07

Palermo soffocata dai rifiuti e dalla puzza | E le istituzioni giocano a scaricabarile /FOTO

di Redazione

» Cronaca » Palermo soffocata dai rifiuti e dalla puzza | E le istituzioni giocano a scaricabarile /FOTO

Palermo soffocata dai rifiuti e dalla puzza | E le istituzioni giocano a scaricabarile /FOTO

| lunedì 12 Gennaio 2015 - 17:36
Palermo soffocata dai rifiuti e dalla puzza | E le istituzioni giocano a scaricabarile <u><b><font color=”#343A90”>/FOTO</font></u></b>

L’emergenza rifiuti in Sicilia non conosce tregua. Sono migliaia le tonnellate di immondizia presenti sulle strade dei comuni compresi tra Partinico e Cefalù che i mezzi di raccolta dell’Ato Palermo 1 non riescono più a raccogliere.

A rendere ancora più preoccupante la situazione sono le fiamme che, puntualissime, vengono appiccate in prossimità dei cassonetti traboccanti di immondizia. La popolazione è allo stremo, sia nei quartieri periferici di Palermo che in provincia.

Il blocco della raccolta dei rifiuti, protrattosi fra il 31 dicembre e il 4 gennaio, ha provocato gravissimi disagi. A Cinisi si sono formati fiumi di rifiuti che ormai costeggiano stabilmente almeno 2 km di strada sino a Carini, altro comune colpito dall’emergenza.

Il dipartimento Acque e rifiuti ha indetto un incontro tra l’assessore regionale all’Energia Vania Contrafatto e il presidente dell’Anci Sicilia Leoluca Orlando sulla questione.

Sempre in queste ore verrà esaminata la questione del fallimento dell’Ato Palermo 2, che occupa 273 lavoratori, e il passaggio delle competenze alle Srr: “La curatela fallimentare – spiega il sindaco di Camporeale Vincenzo Cacioppo – ci ha informato che le attività possono essere svolte per altri 45 giorni”.

Il primo cittadino di Camporeale è comunque fiducioso: “Entro quella data la Regione dovrebbe emanare una norma che consente di affidare la gestione direttamente ai comuni”.

A Carini il comune ha deciso di impegnare 20 mila euro per potenziare le operazioni di raccolta: “Stentiamo a raccogliere la spazzatura che si è accumulati durante le festività. Oggi per strada ci sono 700 quintali di rifiuti non raccolti – dice il sindaco Gianni Palazzolo – Ho disposto un intervento straordinario perché i mezzi dell’Ato Palermo non bastano. Entro venerdì la situazione dovrebbe rientrare”.

“Il problema sono gli impianti, le discariche – chiosa Palazzolo – Scaricare a Bellolampo e Catania a giorni alterni non risolve la questione”. Intanto il governatore della Sicilia Rosario Crocetta ha sottoposto la questione rifiuti ed emergenza discariche a Roma, reato dopo la chiusura della discarica Oikos di Motta Santa Anastasia e Mazzarrà Sant’Andrea, e chiesto il commissariamento.

Inevitabile lo scontro frontale tra Regione e l’Anci Sicilia: “La Regione – sostiene il vice presidente, Paolo Amenta – ha presentato come piano alternativo alle discariche le compostiere domestiche, è ridicolo”.

(Foto da: Facebook)

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it