Aggiornato alle: 13:27

Il Consiglio di Stato contro la corruzione | Via all’anno giudiziario, c’è anche Mattarella

di Redazione

» Lazio » Il Consiglio di Stato contro la corruzione | Via all’anno giudiziario, c’è anche Mattarella

Il Consiglio di Stato contro la corruzione | Via all’anno giudiziario, c’è anche Mattarella

| giovedì 05 Febbraio 2015 - 14:27
Il Consiglio di Stato contro la corruzione | Via all’anno giudiziario, c’è anche Mattarella

Non è un caso che Sergio Mattarella abbia scelto l’apertura dell’anno giudiziario del Consiglio di Stato come prima uscita pubblica da presidente della Repubblica. Il neo Capo dello Stato ha ascoltato con attenzione la relazione del presidente della corte, Giorgio Giovannini, tutta incentrata sul tema della corruzione, una delle battaglie da combattere che Mattarella ha posto al centro della sua azione nel settennato.

Subito dopo la cerimonia, il Presidente ha ricevuto al Quirinale il vicepresidente del Csm, Giovanni Legnini, che ha confermato che Mattarella sarà presente al plenum di giovedì prossimo.

Giovannini ha esordito con gli auguri “per l’impegno che la attende. Siamo onorati della sua presenza, una fortunata circostanza fa sì che questa cerimonia coincida con i primi giorni del suo mandato”. Il presidente del consiglio di Stato ha poi parlato della corruzione, vera e propria piaga per l’italia: “La scarsa efficienza delle pubbliche amministrazioni, le loro difficoltà operative, i fenomeni di corruttela vasti e ramificati che quasi quotidianamente vengono alla luce – ha detto Giovannini – impongono la presenza di un giudice amministrativo forte, indipendente e autorevole”. Facendo eco così alle parole di Mattarella, pronunciate durante il suo discorso di insediamento, che rimandano ad un più vasto ed efficace controllo soprattutto nei vari rami dell’amministrazione pubblica italiana, nazionale, regionale e locale.

(Nella foto, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella con il Presidente del Consiglio di Stato Giorgio Giovannini)

 

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820