Aggiornato alle: 18:27

Dolce tipico siciliano: cuddura cùll’ova

di Lucia Argiroffi

» Cucina » Ricette » Dolce tipico siciliano: cuddura cùll’ova

Dolce tipico siciliano: cuddura cùll’ova

| venerdì 27 Marzo 2015 - 13:24
Dolce tipico siciliano: cuddura cùll’ova

U pupu cu l’uovu, vuol dire pupazzo con l’uovo. È un dolce di Pasqua, tradizionale siciliano che assume però forme e denominazioni diverse: nel trapanese lo chiamano “campanaru”, nel catanese “cuddura cùll’ova” e in altri luoghi “panaredda” o “palummedda”.

Ingredienti per la pasta:

  • 500 grammi di farina 00
  • 150 grammi di zucchero semolato
  • 125 grammi di strutto o burro
  • 2 uova intere
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 1 bustina di vaniglina
  • 2 cucchiai di latte

Ingredienti per la glassa:

  • 200 grammi di zucchero a velo
  • 1 cucchiaio di rum
  • 4 cucchiai di acqua

Ingredienti per la guarnizione:

  • 6 uova sode
  • palline colorate

Procedimento:

Preparare le uova sode.

Amalgamare bene farina, zucchero, lievito e vanillina. Aggiungere lo strutto o il burro ammorbidito. Aggiungere anche le uova e il latte e impastare. Quando l’impasto sarà ben lavorato si presenterà come una specie di pasta frolla morbida.

Da quest’impasto ricavare sei palline di ugual peso, spianare ogni pallina direttamente sulla carta forno, riducendole ad uno spessore di circa ½ centimetro, inglobare l’uovo sodo, ben asciutto, bloccandolo sul dolce con dei bastoncini di pasta a mo’ di croce e comporre quindi la figura che più vi aggrada (cestino, pupazzo, colomba, ecc.).

Quando avrete completato le confezioni, e metterle in forno preriscaldato a 180°-200° per circa 40-50, minuti o comunque fin quando i “pupi cù l’uova” non saranno dorati. A questo punto metterli a raffreddare.

Preparare la glassa: in una ciotola versare lo zucchero a velo e un cucchiaio di rum e, con una forchetta, cominciate ad amalgamare. Aggiungere l’acqua, un cucchiaio per volta, continuando ad amalgamare in modo da non formare grumi. Alla fine dovrete ottenere un composto scorrevole che, con un cucchiaio, potrete far colare sui “pupi’ già raffreddati. Infine cospargeteli con i zuccherini colorati e, dopo poco tempo, lo zucchero si sarà rappreso.

Usualmente l’uovo sodo viene incorporato con il guscio, ma si può metterlo già sgusciato perché è più gradevole gustare la “cuddura” senza preoccuparsi di eliminare la buccia. È necessario però che l’uovo venga completamente ricoperto di pasta, mentre nella versione con il guscio può rimanere coperto parzialmente.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it