Aggiornato alle: 17:17

Alzheimer, il trapianto di memoria nuova frontiera | Pochi grassi e zuccheri per non “annoiare” il cervello

di Claudia Argento

» Salute » Alzheimer, il trapianto di memoria nuova frontiera | Pochi grassi e zuccheri per non “annoiare” il cervello

Alzheimer, il trapianto di memoria nuova frontiera | Pochi grassi e zuccheri per non “annoiare” il cervello

| martedì 09 Giugno 2015 - 11:27
Alzheimer, il trapianto di memoria nuova frontiera  | Pochi grassi e zuccheri per non “annoiare” il cervello

Un giorno non lontano sarà possibile trapiantare la memoria in un individuo che l’ha persa. Sembra infatti che i ricercatori stiano effettuando dei precisi studi su cavie: sarebbe davvero un traguardo riuscire a restituire la memoria a un paziente con Alzheimer o rendere capace l’uomo ad incamerare tutte le informazioni contenute all’interno di un’enciclopedia.

Ad ipotizzare questi scenari è Giulio Maira, presidente della fondazione Atena e neurochirurgo all’Humanitas di Milano e al Campus biomedico di Roma, che mercoledì sarà in Campidoglio a Roma in occasione di un convegno dedicato ai meccanismi che regolano l’ancoraggio nel cervello delle esperienze passate e presenti, i ricordi.

Intervistato dal “Corriere della Sera”, Maira ha sottolineato come la memoria sia la “manifestazione” più importante del cervello: a muoverla è l’ippocampo, collocato nel lobo temporale. L’ippocampo riceve gli impulsi originati da un’esperienza e li trasmette alla corteccia corticale, elaborandoli fino a selezionarli e fissarli. Ecco perché ricordiamo soltanto una parte delle nostre esperienze.

Ma come intervenire per mantenere allenata la memoria? Stando a Maira l’importante è usarla, cercando di “annoiare” il meno possibile il cervello. Per svegliare quest’ultimo sono necessari stimoli nuovi: per esempio il cruciverba oppure la lettura attiva di un libro, ma anche lo sport e un’alimentazione con pochi grassi e pochi zuccheri aiutano a tenere il cervello in forma. E non finisce qui: sembra infatti che tra gli aiuti possibili ci sia anche quello di imparare ad usare uno strumento tecnologico nuovo come uno smartphone.

Che dire? Anche dei mezzo tanto criticati e biasimati come  gli smartphone, spesso colpevoli di “isolare” chi ne abusa, potranno tornare utili per mantenere “sveglio” il nostro cervello.

 

 

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it