Aggiornato alle: 12:41

#FreeTheNipple, capezzoli maschili contro la censura dei social network

di Redazione

» Curiosità » #FreeTheNipple, capezzoli maschili contro la censura dei social network

#FreeTheNipple, capezzoli maschili contro la censura dei social network

| giovedì 09 Luglio 2015 - 13:27
#FreeTheNipple, capezzoli maschili contro la censura dei social network

Per protesta contro il divieto di postare foto a seno nudo l’attivista e regista Lina Esco ha lanciato la campagna #FreeTheNipple, che consiste nel censurare i capezzoli femminili con quelli maschili.

Se, dunque, i social non permettono condivisioni di immagini a seno nudo, piuttosto che piegarsi alle loro regole “bacchettone” la Esco ha trovato il provocatorio espediente. Alla campagna #FreeTheNipple, hanno subito aderito anche molte star.

L’attivista ha preso spunto dall’artista americana Micol Hebron, che l’anno scorso aveva creato un template con il disegno di capezzoli maschili da ritagliare e indossare per coprire quelli femminili.

Il petto maschile, infatti, può essere mostrato su tutti i social senza censure, mentre sono proibite le immagini delle mamme che allattano i loro bambini. Persino Rihanna era stata bannata per circa sei mesi da Instagram per avere pubblicato un servizio fotografico fatto per la rivista francese.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it