Fifa, un altro candidato finisce nei guai: il coreano Chung accusato di corruzione

di Redazione

» Sport » Fifa, un altro candidato finisce nei guai: il coreano Chung accusato di corruzione

Fifa, un altro candidato finisce nei guai: il coreano Chung accusato di corruzione

| martedì 06 Ottobre 2015 - 12:03
Fifa, un altro candidato finisce nei guai: il coreano Chung accusato di corruzione

Dopo il presidente dell’Uefa Michel Platini, finito al centro delle indagini della Procura svizzera per alcuni pagamenti sospetti effettuati da Blatter a suo favore, un altro candidato alla presidenza della Fifa è stato messo sotto inchiesta: si tratta del coreano Chung Mong-joon, sospettato di corruzione.

A confermare tutto è stato lo stesso Chung: la commissione etica, ha rivelato il coreano, ha aperto un’indagine per il suo sostegno alla candidatura ai Mondiali 2022 della Corea del Sud, poi fallita.

Rischio 19 anni di squalifica – rivela Chung – ma è chiaro che la commissione agisce come un killer della corrente che fa capo a Blatter: stanno tentando di danneggiare la mia candidatura“, accusa il coreano.

L’elezione del nuovo presidente Fifa è fissata per il prossimo 26 febbraio, ma le candidature dovranno prima passare al vaglio di una valutazione basata sui principi etici.

Al momento, a farsi avanti per la successione di Blatter è stato proprio l’attuale presidente dell’Uefa, Michel Platini, insieme ad Ali bin al-Hussein, principe di Giordania.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820