Sousa Paulo

Paulo Sousa ha parlato in conferenza stampa alla vigilia di Roma-Fiorentina: match importantissimo per la lotta al terzo posto, ma, a detta del tecnico portoghese, non decisivo per le sorti dei viola, chiamati a confermarsi dopo la splendida prestazione di lunedì contro il Napoli secondo in classifica.

Complimenti a Spalletti per aver risollevato i giallorossi: “Spalletti ha migliorato molto questa Roma che era già forte. Ha migliorato l’aspetto fisico, quello mentale e quello tattico. E’ molto più pericolosa di prima, ed ha molte più convinzioni. I suoi complimenti? Sono molto contento che questa Fiorentina non piaccia solo ai tifosi, ma anche a chi lavora dentro il calcio. Questa è già una vittoria per noi: rappresentiamo questa città”.

Massima comprensione per Totti: “Per me capire che era finita è stato molto duro, credo lo sia per tutti i calciatori. Ho avuto moltissimi infortuni che non mi hanno mai permesso di stare al mio livello negli ultimi anni fino a quando in un’amichevole all’ultimo minuto prima di un Mondiale l’ennesimo infortunio mi fece saltare quel Mondiale. Ho fatto molto fatica a decidere di smettere, quando ho parlato al mondo del calcio per comunicarlo mi è venuto un vuoto tremendo. Il miglior interprete di questo mondo è il calciatore, dovrebbe provare a giocare il più a lungo possibile”.

Per quanto riguarda i singoli…: “Bernardeschi non era al meglio lunedì e ho deciso di non rischiarlo dall’inizio; può tranquillamente giocare insieme a Tello che è un giocatore rapido e di fascia. Tatarusanu è stato decisivo contro il Napoli e ha risolto completamente i problemi alla spalla, è sempre a nostra disposizione. Il calo di Ilicic è normale, ha avuto soltanto un leggero affaticamento, sarà importante da qui alla fine del campionato”.

Partita decisiva, ma non per la Fiorentina: “Per loro più che per noi: nei primi sei, siamo noi gli intrusi. Sono loro in dovere di lottare per le prime posizioni, noi stiamo lottando per darci un’opportunità e stiamo dimostrando di dare tutto per coglierla”.