salah abdeslam, parigi, avvocato salah abdeslam, bruxelles, sven mary

Salah Abdeslam sarebbe ancora vivo e in fuga. C’erano impronte digitali dell’uomo nell’appartamento di Forest, a Bruxelles, dove è avvenuta la sparatoria in cui è rimasto ucciso un terrorista. La Procura federale belga ha fatto sapere che all’interno dei locali sono state trovate tracce del ricercato numero uno per gli attentati di Parigi.

È quindi possibile che uno dei due uomini in fuga da rue du Dries fosse Salah.

Intano, si scopre che Mohamed Belkaid, il cittadino algerino ucciso nel blitz di martedì è un complice del ricercato numero uno. Lo riferisce la tv pubblica belga Rtbf. Belkaid, entrato in Belgio dall’Ungheria proprio grazie ad Abdeslam, era ricercato per la logistica degli attentati del 13 novembre.