Mancini, Mancini

Alla vigilia dell’anticipo della 30esima giornata di Serie A tra Roma ed Inter, il tecnico dei nerazzurri Mancini ha parlato in conferenza stampa, anticipando alcuni temi tattici della partita: la sfida sarà decisiva per il raggiungimento del terzo posto, i giallorossi sono reduci da 8 vittorie consecutive, i nerazzurri devono confermare quanto di buono fatto nelle ultime partite.

I giocatori vogliono far felici i tifosi: “I giocatori sanno che è una partita importante. Non so se possa essere decisiva, è ovvio che se perdiamo diventa difficile, ma penso che il campionato sia aperto a tutte le soluzioni. Sarebbe importante vincere. La Roma è partita per vincere lo scudetto. Dopo essere rimasta indietro ora ha recuperato. Hanno grandi valori ma in una partita può accadere di tutto”.

Per quanto riguarda Mauro Icardi, il tecnico, in sala stampa, aveva lasciato intendere che avrebbe parlato con il giocatore per decidere se schierarlo o meno ma subito dopo è stata presa la decisione di non rischiare, permettendo il suo pieno recupero dopo la sosta, per cui non è stato convocato.

Per quanto riguarda i singoli: “Kondogbia sta bene e penso che sarà convocato, anche se ha saltato i primi allenamenti. Poi valuteremo se farlo partire o no. Brozovic? Ha detto che ha mal di testa, ma gli ho risposto che è fortunato perché vuol dire che almeno ce l’ha la testa. Eder? Da quando è arrivato ha sempre giocato bene.  Ljajic? Abbiamo detto tanto di lui. O farà una grande partita o farà una partita di m…, quando arriva da ex uno cerca sempre di fare una grande partita e spero che sarà così”.