boom denunce estorsioni, dati denunce estorsioni, dati estorsioni, denunce estorsioni, estorsioni italia

Le sanzioni economiche che l’Unione Europea ha introdotto nei confronti della Russia nel 2014 pesano come un macigno nell’economia dell’Italia. Anche a seguito della crisi politico-militare con l’Ucraina e le reazioni di Mosca sono costate al made in Italy 3,6 miliardi di euro. L’export italiano verso la federazione russa, infatti, è passato dai 10,7 miliardi del 2013 ai 7,1 miliardi di euro del 2015 (-34%).

I dati poco confortanti sono riportati dalla Cgia di Mestre secondo la quale la Lombardia è la regione che più ha perso terreno con un  -1,18 miliardi del proprio export. A seguire Emilia Romagna (-771 milioni) e Veneto (-688,2 milioni).

Dei 3,6 miliardi di minori esportazioni, 3,5 sono ascrivibili al comparto manifatturiero. I macchinari (-648,3 milioni di euro), l’abbigliamento (-539,2 mln), gli autoveicoli (-399,1), le calzature/articoli in pelle (-369,4), i prodotti in metallo (-259,8), i mobili (-230,2) e le apparecchiature elettriche (-195,7) sono stati i settori dove i volumi di affari hanno registrato le contrazioni più importanti.