Aggiornato alle: 23:42

Riforme, la Camera approva con 361 “sì” | Renzi: “Gioia profonda, giornata storica”

di Redazione

» Politica » Riforme, la Camera approva con 361 “sì” | Renzi: “Gioia profonda, giornata storica”

Riforme, la Camera approva con 361 “sì” | Renzi: “Gioia profonda, giornata storica”

| martedì 12 Aprile 2016 - 18:16
Riforme, la Camera approva con 361 “sì” | Renzi: “Gioia profonda, giornata storica”

La Camera ha dato l’ultimo via libera al ddl costituzionale sul superamento del Bicameralismo e la revisione del Titolo V con 361 sì e soli 7 voti contrari.

In aula non erano presenti i gruppi di opposizione, che non hanno partecipato al voto per protestare contro i contenuti della riforma e il metodo e le scelte politiche adottate dalla maggioranza per farla approvare.

Il provvedimento, come previsto dall’articolo 138 della Costituzione, non avendo ottenuto la maggioranza di due terzi dei componenti di ciascuna Camera, può essere sottoposto a referendum.

Matteo Renzi parla “gioia profonda” per l’ok alle riforme esprimendo anche gratitudine nei confronti dei parlamentari: “Una giornata storica in cui la politica dimostra di essere credibile”, ha detto ai giornalisti nel corso della sua visita a Teheran.

“Con il voto di oggi siamo giunti al termine di un percorso parlamentare lungo e travagliato. Ora la parola passa ai cittadini che, con il referendum del prossimo autunno, esprimeranno la loro opinione sulla riforma della Costituzione”, ha poi aggiunto il presidente della Camera dei deputati, Laura Boldrini.
Nella nota la Boldrini si auspica che “si sviluppi un confronto pacato, sul merito delle decisioni prese. Per questo ritengo che sarà più che mai necessaria un’informazione puntuale sul contenuto del referendum nell’interesse della democrazia italiana”

“Trasformare un confronto sul merito in un plebiscito su una politica, una leadership o una nuova maggioranza di governo troverà l’opposizione ferma di chi, come noi, si è fatto carico del bisogno di completare una transizione aperta da troppo tempo”, hanno scritto in una nota Roberto Speranza, Gianni Cuperlo e Sergio Lo Giudice.

E sul referendum, la minoranza dem sottolinea: “Sarebbe imperdonabile piegare la Costituzione al vantaggio contingente di una stagione. Su questo principio fonderemo le nostre scelte”. Nel governo, invece, la soddisfazione per il passo compiuto è tanta.

“Dopo due anni di lavoro, il Parlamento ha dato il via libera alla riforma costituzionale! Grazie a quelli che ci hanno creduto”, ha scritto su Twitter il ministro delle Riforme Maria Elena Boschi corredando il tutto con il solito hashtag #lavoltabuona.

 

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it