Aggiornato alle: 01:06

Francia, continuano le proteste contro il ‘Jobs Act’| Disordini a Parigi, scontro governo-sindacati

di Martino Giordano

» Esteri » Francia, continuano le proteste contro il ‘Jobs Act’| Disordini a Parigi, scontro governo-sindacati

Francia, continuano le proteste contro il ‘Jobs Act’| Disordini a Parigi, scontro governo-sindacati

| giovedì 26 Maggio 2016 - 18:52
Francia, continuano le proteste contro il ‘Jobs Act’| Disordini a Parigi, scontro governo-sindacati

Scontro governo-sindacati, nessun segno di cedimento: la protesta in Francia continua ad oltranza. Clima sempre più caldo in diverse città per gli scioperi e le manifestazioni contro la riforma del lavoro varata del governo.

Secondo la polizia, nella sola giornata di oggi la mobilitazione conta tra le 8.000 e le 30.000 unità, numeri che non spaventano però il governo: “Non è possibile ritirare la riforma, ma possiamo sempre migliorarla” ha dichiarato il premier Valls.

A Parigi dieci manifestanti sono stati arrestati per aver tentato di rompere il cordone degli agenti di polizia scagliando bottiglie, distruggendo automobili e vetrine dei negozi sulla strada.

Proteste ad oltranza anche nelle altre zone del Paese: a Nantes i manifestanti hanno danneggiato una banca, con la polizia che ha risposto lanciando lacrimogeni; a Bordeaux un centinaio di persone ha assaltato una stazione di polizia, scontrandosi con gli agenti e creando disordini per strada. A Le Havre 3.600 lavoratori portuali hanno marciato per tutta la mattina, supportati dai cittadini e raggruppandosi poi nella piazza principale della città.

Ma i disordini più gravi sono quelli che stanno letteralmente immobilizzando la Francia. Nel corso della settimana gli scioperi hanno colpito trasporti ferroviari, distribuzione di idrocarburi – sei delle otto raffinerie di petrolio sono state bloccate – e energia nucleare. Dai sindacati informano che la copertura elettrica minima per evitare il blackout sarà comunque garantita ma il rischio è quello di portare il Paese al collasso, interrompendo i rifornimenti.

I manifestanti, guidati da Philippe Martinezm, segretario del Cgt, il principale sindacato francese, protestano contro la legge che mina il principio delle 35 ore settimanali, rende più semplice il licenziamento e indebolisce il potere contrattuale dei sindacati.

Nessun passo indietro nemmeno dal governo, il premier Manuel Valls ha già annunciato che l’articolo 2 della riforma – quello più contestato – rappresenta il cuore della legge e non verrà toccato, smentendo di fatto il Ministro delle Finanze, Michel Sapin, che aveva dichiarato solo qualche minuto prima del premier: “Forse bisognerà ritoccare l’articolo 2 su alcuni punti”.

Nettissima dunque la distanza dalla posizione dei sindacati, che annunciano che la protesta non si fermerà fino al ritiro della legge.

Edizioni Si24 s.r.l.
Aut. del tribunale di Palermo n.20 del 27/11/2013
Direttore responsabile: Maria Pia Ferlazzo
Editore: Edizioni Si24 s.r.l.
P.I. n. 06398130820
info@si24.it